BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge di Stabilità 2013: tasse, statali, Trise tassa casa, tasse. Novità ufficiali

Misure e novità Legge di Stabilità per imprese e famiglie



L'intervento complessivo della Legge di Stabilità per il 2014 è di 11 miliardi e mezzo. Nella conferenza stampa il presidente del Consiglio ha spiegato le misure previste: “La pressione fiscale nel triennio va dal 44% al 43,3%; la nuova manovra nel triennio riduce di 5 mld le tasse sui lavoratori e di 5,6 mld le tasse sulle imprese”.

Il provvedimento agevola, inoltre, “il passaggio dal tempo determinato al tempo indeterminato”, mentre saltano i tagli alla sanità e l'aumento delle aliquote sulle rendite finanziarie, mentre è stato definito  un aumento del bollo sulla gestione dei titoli. Il premier Letta ha poi ribadito che “Non ci sono tagli nei tre anni coperti dalla legge. E non aumenta la pressione fiscale su cittadini e imprese, anzi diminuisce”.

Ma arriva invece “una riduzione di tasse per le imprese con una curva crescente nell'arco del triennio” e si prevede “una significativa riduzione delle tasse anche per le famiglie e i lavoratori”. Il taglio del cuneo fiscale sarà di 5 miliardi per i lavoratori e 5,6 miliardi per le imprese nel triennio. Tra gli Interventi per le imprese e i lavoratori, anche un incentivo per il passaggio dai contratti a tempo determinato a quelli a tempo indeterminato.

Letta ha poi spiegato: “Abbiamo bloccato l'aumento dell'Iva che doveva scattare a gennaio sulle cooperative sociali; c'è un allentamento del patto di stabilità per i Comuni, da un miliardo di euro, verranno rifinanziati 5 per mille ed Ecobonus. E poi la Trise che Non sarà una nuova Imu”.

Sarà un tributo su rifiuti e servizi indivisibili che andrà a sostituire la Service Tax e ingloberà Imu e Tares. Sarà dovuta sia dai proprietari che dagli inquilini e si dividerà in due quota, le cui basi imponibili di pagamento saranno definite dai singoli Comuni. 

Previsti poi blocco degli stipendi e del turn over per i dipendenti pubblici e nessuna rivalutazione per le pensioni oltre i 3mila euro. Da definire ancora l’eventuale contributo di solidarietà per le pensioni d’oro.

Non sono soddisfatti i sindacati delle misure della nuova Manovra: la Uil si dice, infatti, pronta a “proteste molto forti” ed anche allo sciopero contro le misure che riguardano il pubblico impiego: dal blocco dei contratti a quello del turn over, dal taglio degli straordinari alle misure sulla liquidazione. Lo ha detto il segretario generale Luigi Angeletti.

Susanna Camusso ha detto: “Il nostro problema è che questa Legge di Stabilità bisogna cambiarla e quindi nelle prossime ore decideremo tutte le cose utili a questo fine”. Per il leader Cgil il provvedimento “smentisce le promesse fatte in queste settimane da molti ministri e dal Governo”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il