BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Varata manovra finanziaria bis da Tommaso Padoa-Schioppa del valore di 7 miliardi di euro

Romano Prodi è soddisfatto: 'E' stata messa in atto un'azione di risanamento dei conti, ma anche un'azione di impulso per la ripartenza del Paese', una sorta di 'motore d'avviamento per la ripresa italiana', ha detto



Al termine del Cdm che ha approvato la manovra bis di correzione dei conti pubblici per il 2006 il premeir Romano Prodi è soddisfatto: "E' stata messa in atto un'azione di risanamento dei conti, ma anche un'azione di impulso per la ripartenza del Paese", una sorta di "motore d'avviamento per la ripresa italiana", ha detto in conferenza stampa.

Il presidente del Consiglio ha poi aggiunto: "Abbiamo messo mano al trattamento fiscale delle stock options", ma ha chiarito che nella manovra bis "non ci sarà nessuna variazione delle aliquote".

La manovra bis illustrata dal ministro dell'Economia, Tommaso Padoa-Schioppa prevede una correzione strutturale di mezzo punto di Pil, cioè lo 0,5%, - ovvero 7 miliardi - "ottenuta interamente con misure strutturali e darà effetti pieni nel 2007 e un po' meno della metà nel 2006".

"Dalle misure sulle entrate contenute nella manovra correttiva - ha spiegato il ministro - si attendono 3,5 miliardi di gettito nel 2006 e 5,5 miliardi nel 2007". Le misure antielusione sull'Iva, contenute nella manovra bis, comporteranno "un aumento complessivo del gettito Iva di circa l'1,5%, che in Italia significa più di un miliardo e mezzo di euro", ha aggiunto viceministro dell'Economia, Vincenzo Visco.

Mentre il ministro delle Infrastrutture, Antonio Di Pietro, lasciando palazzo Chigi al termine del Cdm ha annunciato che con la manovra bis Anas potrà contare su un rifinanziamento di 1 miliardo di euro e Ferrovie dello Stato su 1,8 miliardi. Insieme alla manovra è stato approvato anche il cosiddetto 'pacchetto Bersani' sulla concorrenza e la tutela dei consumatori, "una vera e propria rivoluzione", ha commentato Prodi.

Il pacchetto prevede liberalizzazioni riguardo a banche, farmacie, taxi e professioni, che fa esprimere soddisfazione all'Antitrust, fanno esultare le associazioni dei consumatori - "prodigioso atto di coraggio che produrrà risparmi medi pari a 500 euro annui a famiglia" - e scendere sul piede di guerra i tassisti e l'Ania.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il