BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Privatizzazioni e vendite aziende Governo Letta ma non solo.Anche ospedali,scuole,carceri,edifici

Privatizzazioni e vendita immobili per risanare il debito pubblico: il progetto



Il Presidente del Consiglio Enrico Letta, ha promesso un piano di nuove privatizzazione e dismissioni, tra queste si inserisce anche Terna, l’azienda pubblica che gestisce la rete elettrica nazionale.

Secondo Letta, “oggi i mercati sono pronti a comprare e noi a vendere i beni pubblici. Potremo vendere una parte di Terna, ovviamente, non al 100% e sarà un passo molto importante”. Le privatizzazioni, ha spiegato Letta, “serviranno a reperire le risorse per portare la pressione fiscale alla fine dei tre anni del percorso previsto dal 44.3 al 43.3%”.

Ma per ridurre il debito pubblico, il premier non ha solo annunciato il piano di dismissioni e quotazioni di fette dei grandi gruppi pubblici, come appunto Terna, o anche Eni, Fincantieri e Sace. In ballo anche il progetto di privatizzare immobili di stato, come ospedali, scuole, carceri, per 6,1 miliardi.

E così ex caserme, ex carceri, ex ospedali, per esempio, verrebbero cedute dal Tesoro all'Invimit, una Sgr (società gestione del risparmio) che ha appena ottenuto il benestare della Banca d'Italia, che avrebbe poi il compito di piazzare palazzi e complessi presso investitori privati italiani e stranieri.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il