BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2013 prima, seconda casa, terreni, negozi, capannoni: chi, quando e quanto paga seconda rata

Chi pagherà la seconda rata Imu ed esentati



Il decreto legge di ottobre del governo Letta che abolisce la prima rata Imu si arricchisce di novità nel suo primo passaggio parlamentare.

Il dl ha ottenuto il primo via libera, da parte di Montecitorio (326 sì, 121 no e 20 astenuti) e si prepara per approdare a palazzo Madama. La misura principale riguarda l'abolizione della prima rata Imu 2013, Iacp e cooperative edilizie a proprietà indivisa, terreni agricoli e fabbricati rurali.

E’ stato inoltre, approvato  un emendamento che assegna ai comuni la possibilità di equiparare a prima abitazione le case date in comodato d'uso ai parenti di primo grado. Il provvedimento dovrà essere approvato dal Senato entro fine mese.

I contribuenti che pagheranno certamente la seconda rata Imu sono i proprietari di immobili diversi dall’abitazione principale che nel 2012 hanno già versato l’imposta sulla base di un’aliquota dell’1,06% e i proprietari di abitazioni di lusso, seppur prima casa.

Pagheranno, infatti, i proprietari di abitazioni di lusso accatastate nelle categorie A/1, A/8 e A/9; per loro l’aliquota non potrà superare lo 0,6% e si manterrà il diritto ad avere una detrazione di 200 euro.

Per tutti gli altri i costi dovranno essere ancora definiti dai Comuni che hanno tempo fino al 30 novembre per deliberare i bilanci preventivi per il 2014. Sono esentate le abitazioni in housing sociale e quelle in cui risiedono gli assegnatari di case in cooperativa indivisa, inoltre le abitazioni di appartenenti alle forze dell’ordine civili o militari e dei funzionari delle prefetture trasferiti per motivi di servizio. Si tratta delle stesse esenzioni già stabilite per la prima rata di giugno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il