BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Legge Stabilità 2013: modifiche, assegni e nuove tasse. Cosa cambia

Effetti indicizzazione e nuove tasse per pensionati: la situazione previdenziale peggiore



Saranno decisamente negativi gli effetti provocati dalle misure della nuova Legge di Stabilità sui pensionati. A lanciare per prima l’allarme  la Cgia di Mestre che, a causa dell’aumento dell’Iva al 22%, pensa ad  ulteriori flessioni del reddito dei pensionati, riconducibili alle principali misure fiscali introdotte dalla Manovra.

Si tratterebbe di un aggravio fiscale stimato in una cifra che oscillerebbe tra i 74 e i 144 euro. Secondo l’associazione, ‘se le note in circolazione saranno confermate, coloro che non possono godere delle detrazioni Irpef da lavoro dipendente, come i pensionati o i lavoratori dipendenti con un reddito superiore ai 55.000 euro, subiranno, rispetto al 2013, un aumento del prelievo fiscale’.

E le brutte notizie non finiscono qui: considerando il blocco della rivalutazione delle pensioni superiori ad almeno 3 volte il minimo, cioè,  per l’anno in corso, di 1443 euro al mese, la Legge di Stabilità induce al completo ricalcolo entro il triplo del trattamento minimo, mentre si fermerà al 90% per quelle comprese tra tre e quattro volte l’assegno base Inps.

Oltre tale soglia, l’indice di ricalcolo verrà ridotto del 50%, con effetti che produrranno riduzioni del 5% al reddito da pensione nei prossimi 3 anni. L’indicizzazione, secondo quanto riporta il Sindacato pensionati italiani della Cgil, produrrà tagli per i pensionati pari a 615 euro nel prossimo triennio.

Nel 2014 la perdita sarà mediamente di 172 euro, nel 2015 di 217 euro e nel 2016 di 226 euro. Per la fascia che da va da 3 a 4 volte la soglia minima, la perdita sarà di 26 euro nel 2014, di 39 euro nel 2015 e di 45 euro nel 2016; per quella che invece va da 4 a 5 volte la soglia minima sarà di 78 euro per il 2014, di 116 euro nel 2015 e di 123 euro nel 2016; mentre da 5 a 6 volte la soglia minima sarà di 182 euro nel 2014, di 309 euro nel 2015 e di 319 euro nel 2016.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il