BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Borsa e azioni Ottobre-Novembre-Dicembre 2013:previsioni.La salita potrebbe continuare.Pro e contro

Continuerà il trend rialzista delle Borse? La situazione



La previsione era stata già mesi fa e ora si sta avverando tutto quello che alcuni analisti avevano anticipato: un ritorno degli investimenti in azioni e obbligazioni, soprattutto se l’impasse politica italiana si fosse risolta per il meglio.

E sembra, infatti, che l'azionariato sia tornato a correre: la Borsa si è decisamente ripresa ed anche le previsioni per il futuro sembrano essere molto positive.

E “se la ripresa tenderà a consolidarsi, gli investitori faranno meglio a orientarsi verso i titoli ciclici piuttosto che su quelli difensivi, tradizionalmente generosi con i dividendi”, ha precisato Maurizio Vitolo, responsabile investimenti di Consultinvest sgr. In ogni caso, gestori e analisti preferiscono tra i titoli le società leader nel risparmio gestito, come Azimut e Mediolanum, ma bene anche i temi più speculativi, legati al risanamento aziendale, come Fondiaria-Sai (+86%), senza dimenticare i farmaceutici. O ancora Eni ed Enel.

Ma in questo scenario c'è da considerare ciò che sta accadendo negli Usa, situazione complessa che porta gli investitori a confrontarsi con livelli crescenti di volatilità dei mercati ogni qualvolta si profileranno all’orizzonte le scadenze del bilancio americano.

Per quanto riguarda, specificatamente, la Borsa italiana, il minitrend rialzista in atto potrebbe proseguire. Ma ci pone un interrogativo: quale sarà lo scenario peggiore ipotizzato dalla Bce sulla base del quale richiedere un rafforzamento patrimoniale nei confronti dei 130 istituti (15 italiani) che saranno sotto osservazione speciale della Bce stessa?

Mentre, infatti, è stato annunciato uno slittamento del cosiddetto tapering americano, la Bce è pronta ad avviare un piano di controllo dei più grandi istituti. cioè del piano di riduzione degli stimoli monetari, da ottobre ad aprile 2014, per verificarne lo stato di salute dei bilanci.

Tra le italiane coinvolte: Carige, Monte dei Paschi, Piccolo credito valtellinese, Popolare dell'Emilia Romagna, Popolare di Milano, Popolare di Sondrio, Popolare di Vicenza, Banca Popolare, Credito Emiliano, Iccrea Holding, Intesa SanPaolo, Mediobanca, UnCredit, Unione di banche italiane e società cooperative, Veneto Banca.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il