Btp Italia Novembre 2013: conviene sottoscrivere o meglio di no? Alcuni consigli e pareri

Btp Italia: nuova emissione a novembre. Come funziona e convenienza



Sarà la quinta emissione, quella del nuovo Btp Italia che sS terrà dal 5 all’8 novembre. Per questa nuova emissione, il Tesoro potrà decidere di bloccare anticipatamente l'offerta di bond.

Chi volesse, dunque, sottoscriverlo dovrà fare in fretta, poiché, il rischio che l’offerta venga chiusa anticipatamente è abbastanza elevato, anche perché la cedola minima presumibilmente sarà del 2,25%.

Per sottoscrivere il Btp Italia non è necessario recarsi in filiale in quanto basta avere attivo sul conto corrente il servizio di trading online in strumenti finanziari con un conto titoli attivo. Lo stesso dicasi anche per i conti postali. Il taglio minimo del nuovo Btp Italia è, come per i precedenti, di mille euro e si possono comprare solo multipli di mille e il tasso minimo garantito sarà comunicato solo il giorno prima dell'emissione dei Btp Italia.

Il 4 novembre, quindi, il Tesoro comunicherà quale sarà il tasso minimo annuo, che verrà pagato attraverso cedole semestrali. Il tasso reale invece verrà fissato solo a fine periodo di collocamento e nel caso di chiusura anticipata il tasso reale viene comunicato a sua volta in anticipo.

Il rendimento di questo Btp non sarà fisso per tutta la durata. Il titolo ha una durata di 4 anni, un tasso reale annuo minimo garantito, cedole semestrali calcolate sul capitale rivalutato, recupero immediato dell'inflazione grazie alla rivalutazione del capitale corrisposta ogni sei mesi, capitale nominale garantito a scadenza anche in caso di deflazione e premio fedeltà per chi acquista all'emissione e conserva il titolo fino a scadenza.

Sono tanti gli esperti che puntano sulla convenienza di questo investimento che garantisce comunque rendimenti. Per un risparmiatore italiano l'aggancio ai prezzi del Bel Paese è una sorta di certezza, anche se recentemente l'inflazione italiana si è allineata a quella europea e potrebbe anche scendere sotto di essa.

Ma questo sistema non è vantaggioso solo per i Btp Italia, poiché anche i buoni fruttiferi postali decennali sono indicizzati dall'inflazione italiana e anch’essi rappresentano una buona opportunità di investimento. Si sottoscrivono e riscattano senza spese, ma soprattutto sono senza rischi di prezzo, perché liquidabili qualunque giorno al valore nominale, immuni dalle oscillazioni delle Borse.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il