BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Fondi obbligazionari 2013: rendimenti quest'anno e consigli investimenti Ottobre-Novembre-Dicembre

Fondi obbligazionari: cosa sono, andamento e i migliori



E' boom in Europa per i fondi obbligazionari e il perchè di questa scelta viene spiegata dagli esperti come la ricerca da parte degli investitori verso rendimenti sicuri, nonostante questi fondi siano soggetti a notevoli oscillazioni soprattutto quando ci sono forti variazioni dei tassi di interesse.

I fondi obbligazionari sono titoli di prestito con una durata limitata, emessi da istituzioni pubbliche statali e parastatali, organizzazioni internazionali o imprese e possono essere a breve, medio e lungo termine.

Durante l'acquisto, l'obbligazionista riceve per un determinato lasso di tempo denaro a un tasso fisso, anche se le stesse obbligazioni possono mutare valore durante la durata prestabilita. La stabilità dipende principalmente dall'affidabilità creditizia dell'emittente e dalla durata, perciò, quando i tassi aumentano, i prezzi delle obbligazioni scendono.

Come riportato da CorrierEconomia, per i prossimi 6-12 mesi, gli esperti raccomandano una forte diversificazione geografica, valutaria e per approccio gestionale. Emilio Franco, vice direttore generale e responsabile investimenti di Ubi Pramerica Sgr, ritiene sia meglio “In particolare una scadenza media contenuta sui titoli governativi tedeschi e statunitensi. Sebbene siano diventati meno cari di qualche mese fa, continuano a trattare su valutazioni tirate, in particolare rispetto alle azioni.

Preferiamo investire sull’extra rendimento offerto dalla curva italiana. Tendiamo a ridurre gradualmente le obbligazioni societarie in quanto la decisione della Fed di rinviare la stretta monetaria dovrebbe consentire a breve a questa tipologia di titoli di comportarsi in modo favorevole”.

I fondi Anima, poi, sono positivi sull’Italia e le obbligazioni societarie e high yield. Tra i migliori fondi obbligazioni, comunque, consigliati gli obbligazionari misti, gli obbligazionari euro e quelli italiani. Bene anche quelli flessibili. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il