BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Aumento stipendi Legge Stabilità 2013 Corte dei Conti: più alti e per tutti anche pensionati per

Corte dei Conti boccia Legge di Stabilità: richiesti nuovi interventi



La Corte dei Conti boccia la Legge di Stabilità e auspica una revisione della tassazione sulla casa e aumenti di stipendi e pensioni: secondo il presidente Raffaele Squitieri “Il taglio del cuneo fiscale ha un perimetro limitato e comporta problemi distributivi e di equità poiché esclude dal beneficio 25 milioni di soggetti.

La Legge di Stabilità porterà risultati significativi per alcune categorie di lavoratori ma lascerà sostanzialmente inalterata la posizione dell’Italia nella graduatoria europea sul peso del cuneo fiscale, maggiore solo in Belgio, Francia e Germania.

Tali risultati scontano, in ogni caso, uno sgravio Irpef di portata contenuta (168 euro annui in corrispondenza del livello di reddito più avvantaggiato, pari a 15mila euro) e dal perimetro limitato (quattro contribuenti su dieci, ossia quelli che dichiarano redditi da lavoro dipendente e assimilati fra gli 8 e i 55mila euro).

Oltre ai lavoratori autonomi, sono esclusi dal beneficio gli incapienti e i pensionati, ossia circa 25 milioni di soggetti che comprendono evidentemente anche le categorie in maggiori difficoltà economiche”.

E’ per questo che la Corte dei Conti chiede una revisione delle misure che possa comportare aumenti per stipendi e pensioni. Inoltre, sempre secondo la Corte, la Legge di Stabilità, rischia di comportare ulteriori aumenti impositivi sul patrimonio immobiliare.

In particolare, osserva Squitieri, “inasprimenti che potrebbero canalizzarsi sul versante della Tasi, che moltiplica il suo peso (1 per mille sull’imponibile catastale ai fini Imu) rispetto a quello incorporato nella vecchia Tares (30 centesimi di euro al metri quadri) e che, lasciando ai Comuni la facoltà di rideterminare l’aliquota, crea il presupposto di aumenti di prelievo da parte degli enti locali con aliquota Imu inferiore al massimo previsto dalla legge”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il