BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Statali: blocco contratti, stipendio e novità in Legge Stabilità. Peggioramento servizi possibile

Effetti misure Legge di Stabilità su pubblico impiego e Corte dei Conti. Il parere



Le misure della Legge di stabilità sul pubblico impiego rischiano di avere effetti decisamente negativi. Sarà salato, infatti, secondo le stime, il contro che gli statali dovranno pagare: meno 7mila euro per i professori universitari, meno 2mila per i dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Per il 2014, infatti, sia il blocco della contrattazione collettiva per i dipendenti della pubblica amministrazione, che lo stop al turnover promesso precedentemente alle nuove misure sui precari costeranno molto e si tratta del quarto anno consecutivo in cui gli stipendi rimangono allo stesso livello di indicizzazione.

A conti fatti, il blocco del contratto costerà 4-5mila euro lorde ad un impiegato pubblico e per i dirigenti il sacrificio supera le 20mila euro. Sempre secondo i calcoli effettuati, sarebbero 3milioni i dipendenti coinvolti nell'operazione risparmio avviata dai precedenti governi e che prosegue anche con l'attuale, per ben 5 anni di congelamento dello stipendio.

Su tali misure è stato decisamente severo il giudizio della Corte dei Conti. Il presidente Raffaele Squitieri ha avvisato: “le misure severe del governo hanno dato un contributo rilevante al processo di risanamento della finanza pubblica, ma che non sono replicabili all'infinto. È ora necessario che a queste misure, efficaci ma transitorie, si accompagni la capacità di ripensare l'organizzazione stessa delle funzioni pubbliche”.

Serve quindi, una riforma complessiva più che una semplice chiusura dei rubinetti per nuove spese ed occorre “evitare che la riduzione del numero dei dipendenti determini il degrado nella qualità dei servizi erogati alla collettività. Per questo sono necessari una ridefinizione degli assetti organizzativi, l'attivazione di estesi meccanismi di mobilità, l'approntamento di moderni sistemi di incentivazione”. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il