BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Letta ultime notizie: facciamo il punto situazione aggiornato

Situazione pensioni e richieste di modifica: cosa potrebbe cambiare?



Nonostante in prima approvazione siano state definite delle nuove misure, non sono state evidentemente sufficienti e non hanno risposto alle richieste avanzate dai più: ciò su cui si punta per la discussione parlamentare della Legge di Stabilità sono ulteriori interventi sul mondo delle pensioni italiano.

Se il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, aveva annunciato che la Legge di Stabilità non avrebbe contenuto stravolgimenti all’attuale impianto pensionistico, allontanando l’ipotesi di un’uscita flessibile dal lavoro, avanzata da Cesare Damiano, che avrebbe dato al lavoratore la possibilità di lasciare prima a 62 anni, con 35 anni di contributi e un sistema di penalizzazioni e incentivi, lo stesso Cesare Damiano (PD), presidente della Commissione Lavoro della Camera dei deputati, torna a parlare della necessità di introdurre “un criterio di flessibilità nel sistema previdenziale, come promesso dal premier Letta e dal ministro Giovannini.

Per i giovani va proseguita la scelta di incentivarne l'assunzione a tempo indeterminato: su questo punto la legge di stabilità fornisce indicazioni che vanno nella giusta direzione offrendo importanti sconti alle imprese, ma occorrerebbe anche congelare l'innalzamento dei contributi previdenziali per le partite Iva e migliorare l’accesso al bonus precari, due argomenti che toccano da vicino le giovani generazioni”.

A prescindere, dunque, dalle uniche modifiche approvate che riguardano il blocco della rivalutazione delle pensioni e un contributo di solidarietà che toccherebbe le pensioni più alte, si auspicano nuovi interventi per quanto riguarda aumenti degli assegni, come esortato anche dalla Corte dei Conti; e per precoci ed usuranti, categorie di lavoratori per cui in realtà, già tempo fa, era stata avanzata la richiesta di permettere loro di andare in pensione con le vecchie regole, quelle cioè antecedenti le norme definite dall’ex ministro Fornero.

E c’è poi da considerare sempre la questione esodati che, lungi dall’essere risolta nonostante le ‘Disposizioni’ apportate dalla Legge di Stabilità, è ancora in cerca di una soluzione definitiva per migliaia e migliaia di persone che rischiano di rimanere senza lavoro e senza pensione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il