BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Decreto Scuola 2013 istruzione: nuovi insegnanti assunzioni, fondi istituti e altre novità e misure

Le novità del Decreto Scuola: gli interventi previsti



E’ stato approvato il Decreto Scuola con novità che prevedono l'assunzione di 26mila insegnanti di sostegno, un piano triennale per immettere in ruolo 69mila docenti e 16mila Ata, un piano di sostegno al welfare degli studenti e più borse di studio. Approvato anche il ritorno del bonus maturità, ma solo per chi ha partecipato alla tornata di test d'ingresso dello scorso settembre.

Per i docenti, inoltre, il nuovo decreto stabilisce che il periodo di servizio necessario richiesto per il trasferimento da una provincia all'altra non sarà più di cinque anni ma di tre.

E si tratta di una novità importante soprattutto per tutti quei docenti pendolari costretti a viaggiare o, nella maggior parte dei casi obbligati a cambiare regione. Infine, un intervento importante riguarda l'insegnamento della lingua inglese, che diventa obbligatorio nella scuola dell'infanzia.

Il decreto dovrà ora essere convertito entro l’11 novembre. Novità anche per quanto riguarda riguarderanno i dirigenti scolatici che d’ora in poi dovranno sostenere un concorso che si terrà ogni anno e sarà bandito dalla Scuola Nazionale dell'amministrazione.

Le graduatorie del concorso dirigenti scolastici del 2011 resteranno aperte fino a quando non saranno assunti tutti i vincitori. Per quanto riguarda l’accennato ritorno del bonus maturità, durante l’esame parlamentare è stato introdotto un meccanismo di immatricolazione in soprannumero per i candidati che hanno sostenuto lo scorso settembre i test di ammissione e che non sono stati ammessi a causa della cancellazione del bonus.

Ma tra gli altri interventi previsti dal decreto, misure a favore del welfare studentesco, interventi contro la dispersione scolastica, un’ora in più di geografia generale ed economica negli istituti tecnici e professionali al biennio iniziale, e nuovi stanziamenti per avviare dal quarto anno delle superiori e all’ultimo anno delle medie l’orientamento degli studenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il