BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni usuranti e prococi Governo Letta: emendamenti in Legge di Stabilità presentati

Ancora nessun intervento per precoci ed usuranti: gli emendamenti pensioni alla Legge di Stabilità



Al vaglio in questi ultimi giorni di definizione, le ultime modifiche da apportare alla Legge di stabilità definitiva. E fra interventi su cuneo fiscale e tassazione sulla casa, spiccano anche modifiche per quanto riguarda le pensioni, anche se non proprio quelle auspicate. Qualcosa cambierà sicuramente ma non sarà tutto ciò che da mesi chiedono pensionandi, associazioni e sindacati.

Innanzitutto, secondo Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro, “Le norme relative all’indicizzazione delle pensioni vanno modificate perchè sono inique, non si può ancora mortificare il potere d’acquisto dei pensionati che, tra l’altro, sono la stampella di molte giovani famiglie”.

Poi sugli esodati, “la salvaguardia di 6 mila lavoratori nella legge di Stabilità non risolve il problema che andrebbe affrontato anche con l’introduzione della flessibilità in uscita dal lavoro”.

Infine, Damiano invita a rivedere l’impianto “delle partite Iva autentiche alle quali va congelato l’aumento dei contributi previdenziali previsto nel 2014”.

Nessun accenno al momento a interventi rivolti specificatamente a lavoratori precoci ed usuranti, per cui più volte è stata avanzata la richiesta di permettere loro di andare in pensione con le vecchie regole, quelle cioè antecedenti l’entrata in vigore dell’attuale legge stabilita dall’ex ministro Fornero.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il