BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Ristrutturazione casa, finestre, porte, infissi, arredamento: bonus 50-65% da usare. Regole, novità

Bonus ristrutturazioni edilizie: per quali interventi valgono, in che misura e come ottenerli



Saranno validi ancora fino al prossimo anno gli eco bonus per le ristrutturazioni edilizie rispettivamente al 50% e al 65% per il 2014, che scenderanno al 40% e al 50% per il successivo biennio 2015-2016.

Per quanto riguarda la detrazione del 65%, la proroga per tutto il 2014 comporta il prolungamento fino al 30 giugno 2015 del bonus per i condomini, cioè destinati agli interventi relativi alle parti comuni degli immobili condominiali o che riguardino tutte le unità immobiliari del condominio.

Per ottenere le detrazioni bisogna effettuare i pagamenti con bonifici bancari o postali con le medesime modalità già previste per i pagamenti dei lavori di ristrutturazione fiscalmente agevolati.

Nei bonifici dovranno essere riportati la causale del versamento attualmente utilizzata dalle banche e da Poste Italiane Spa per i bonifici relativi ai lavori di ristrutturazione fiscalmente agevolati, il codice fiscale del beneficiario della detrazione e il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato.

Le detrazioni del 50% e del 65% varranno per le spese sostenute per interventi per il risparmio energetico, sostituzione di caldaie, di condizionatori, acquisto di mobili e di elettrodomestici, interventi di recupero e restauro edilizio, costruzione o acquisto di box auto, interventi per adeguare gli edifici alle norme antisismiche. La lista degli interventi agevolati riguarda anche porte, finestre, antenne, caldaie, balconi, pareti e coperture, garage. tapparelle, tetti, soppalchi, pannelli solari.

Detrazioni per mobili ed elettrodomestici saranno valide esclusivamente se tali mobili ed elettrodomestici fanno parte dell’immobile ristrutturato. In particolare, per quanto riguarda la sostituzione degli infissi esterni di un'abitazione, che rientra nel bonus sia per le ristrutturazioni (50%) sia per il risparmio energetico (65%), il bonus del 65% su un limite massimo di spesa di 60mila euro richiede, però, che la sostituzione comporti poi un risparmio energetico, mentre il bonus del 50% su un limite massimo di spesa di 96mila euro non richiede tali condizioni e nonostante l'importo dello sconto sulle tasse da pagare sia un pò più basso permette anche di accedere al bonus per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Anche il rifacimento del tetto rientra nel bonus sulle ristrutturazioni al 50% fino a un limite massimo di spesa di 96mila euro ma può anche rientrare nel bonus del 65% fino a limite di spesa di 100mila euro se l'intervento consenta il raggiungimento di performance che risponda ai requisiti fissati dalle norme in materia.

Rientrano nelle detrazioni del 65% gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione, fino a un valore massimo di spesa di 30mila euro.

Ammesse alla detrazione, sempre nel limite massimo di spesa di 30mila euro, anche la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore.

Stesso discorso per le opere per l'installazione di pannelli solari finalizzati alla produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università.

Infine, per quanto riguarda la sostituzione di mobili ed arredi, il bonus del 50% entro un limite massimo di spesa di 10mila euro vale solo per gli acquisti finalizzati all'arredamento di immobili sui quali sono stati effettuate ristrutturazioni edilizie.

Il contribuente dovrà cioè prima effettuare interventi di ristrutturazioni edilizie, per ottenere la detrazione del 50% e il successivo bonus mobili per l’immobile in questione ristrutturato.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il