BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Borse nazioni emergenti: i mercati che possono tornare a crescere. Previsioni 2013-2014

I Paesi che cresceranno: le nuove economie su cui puntare



Asia, Africa e Sud America: questi i Paesi destinati a svilupparsi e a dare buoni rendimenti, secondo Nick Price, gestore del fondo FF Emerging Markets Fund di Fidelity Worldwide Investment.

Il fondo investe in titoli azionari di società presenti sui mercati che registrino un rapido sviluppo economico in America Latina, nel Sud Est asiatico, in Africa, Europa dell'Est (Russia compresa) e Medio Oriente. Un’analisi di CorrierEconomia spiega come, anche se ci sono stati rallentamenti nella crescita, il Pil di questi Paesi sarà del 3-4% superiore a quello dei Paesi sviluppati: Usa, Europa o Giappone.

Gli emergenti rappresentano circa il 35-40% del Pil mondiale, l'80% della popolazione globale, ma solo il 15-17% della capitalizzazione e questa quota crescerà certamente.

Inoltre hanno liquidità da investire e dovrebbero beneficiare della ripresa economica in Europa e negli Usa, che determinerà un aumento della domanda di beni provenienti dal Sud e dall'Est del mondo, e anche dell'espansione dei consumi interni, in Cina, nel resto dell'Asia e anche in Africa: una domanda enorme.

Price fa l’esempio della Nigeria, il Paese più popoloso dell'Africa 2124 milioni di abitanti nel 2000, saliti a oltre 170 milioni nel 2012, con un Pil pro capite passato nello stesso periodo da 700 dollari a 1.500 dollari. Dato che la propensione marginale al consumo aumenta con l'incremento del reddito, in Nigeria cresce la domanda di beni di consumo, quindi si creano notevoli opportunità per le aziende meglio posizionate in queste aree.

Bisogna individuare quelle che ne beneficeranno di più, come i produttori di birra, e quindi Nigeria Breweries, o le catene di vendita al dettaglio, come la sudafricana Shoprite, grande distribuzione alimentare e fast food, che ha otto supermercati in Nigeria ed intende aprire nuovi punti vendita.

Sarà un processo lento, perché in Nigeria la procedura per acquisire il terreno e ottenere le autorizzazioni per costruire e la licenza per vendere è lunga e complessa, ma Shoprite crescerà nel Paese”.

Sempre secondo CorrierEconomia, in Africa è prevedibile anche un'elevata domanda di capi di abbigliamento nei prossimi tre, quattro anni; o la diffusione di cinema. Passando agli altri continenti, Price vede molto promettente il mercato delle Filippine, un'economia in ottima salute.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il