BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Test medicina 2013: bonus maturità. Quanta confusione. Iscrizioni da gennaio 2014. Forse

Torna il bonus maturità: nuova graduatoria e caos iscrizioni



Torna il bonus maturità, torna la possibilità per circa 2mila studenti di iscriversi alle Facoltà a numero chiuso da cui erano stati esclusi, ma nasce anche una grande confusione. Il bonus maturità è stato ufficialmente riconfermato ma solo per coloro che hanno sostenuto lo scorso mese di settembre i test di ingresso alle Facoltà universitarie a numero chiuso.

Riammesso, dunque, il punteggio extra da 1 a 10 punti che va ad aggiungersi al risultato ottenuto nei test. Il provvedimento prevede che 'Si possono iscrivere in soprannumero nell’a.a. 2013/2014 tutti quelli che nelle graduatorie nazionali per l’accesso a Medicina, Odontoiatria, Veterinaria e Architettura sarebbero riusciti a classificarsi in posizione utile per l’immatricolazione sommando al risultato del test anche i punti derivanti dal bonus Maturità.

Tuttavia si avrà diritto di iscriversi nella sede in cui si sarebbe risultati assegnati se il bonus fosse stato considerato ma senza considerare scorrimenti e rinunce successive'. E sono più di 2 mila gli studenti soddisfatti del provvedimento, che riavranno la possibilità di iscriversi alla Facoltà prescelta. E’ stato riconfermato il bonus maturità per accedere alle Facoltà a numero chiuso, per cui si sono svolti i test di ingresso lo scorso settembre. Iscrizioni riaperte dal prossimo gennaio 2014.

Verrà stilata una nuova graduatoria, con tutti i punti bonus disponibili da assegnare a ogni candidato e coloro che si collocheranno in posizioni più basse rispetto all’ultimo posto disponibile della nuova graduatoria, ma si sono già immatricolati poiché legittimati dalla precedente graduatoria, resteranno iscritti al corso di riferimento.

Ma le novità non finiscono qui, perchè i candidati che quest’anno si sono immatricolati nel corso di laurea a numero chiuso ma a causa dell’abolizione del bonus maturità hanno dovuto scegliere una sede universitaria diversa da quella a cui avrebbe avuto diritto, il prossimo anno potranno trasferirsi nella sede spettante con il pieno riconoscimento degli esami già sostenuti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il