BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasse no fino a 12mila euro di reddito in Decreto Stabilità 2013. Emendamento Governo Letta

Innalzare la no tax area: per Fassina non è una priorità. “Troppo costosa la misura”



Oltre 3.000 gli emendamenti presentati alla nuova Legge di Stabilità e, come ha osservato Maurizio Gasparri (Pdl), moltissimi risulteranno inammissibili, ed anche il capogruppo del, Luigi Zanda, ha fatto sapere che i Democrati lasceranno cadere l'80% dei loro emendamenti (in tutto 900).

Ciò che preoccupa l'esecutivo è il contenuto delle proposte a cominciare da quella di alzare la ‘no tax area’ fino a 12.000 euro, proposta da Pd e Pdl, ma “E' presto per parlare di intesa tra Pd e Pdl sull'ampliamento della 'no tax' area per i redditi fino a 12mila euro”, ha detto il viceministro dell' Economia, Stefano Fassina, che boccia la proposta.

Secondo Fassina, “l'operazione è molto costosa e non è finalizzata soltanto ai redditi più bassi. Le poche risorse a disposizionele dirotterei su quella parte di lavoratori e famiglie più in difficoltà mentre aumentare la 'no tax area' vuol dire darle anche a chi ha un milione l'anno. Non mi sembra una priorità”.

Effettivamente la modifica sarebbe molto onerosa. Basti pensare che il solo ipotizzato innalzamento della no tax area dagli attuali 8mila (7.500 euro per i pensionati) 9mila euro costerebbe 4 miliardi. Tra le altre novità proposte una sanatoria fiscale e contributiva in arrivo per i debiti pregressi fino al 31 dicembre 2012.

Un emendamento del relatore del Pdl, Antonio D'Alì, sottoscritto dal collega di partito Andrea Mandelli, prevede, infatti, l'estinzione del debito per carichi inclusi in ruoli emessi da uffici statali, regionali ed enti locali, e previdenziali e affidati ai concessionari dei relativi servizi di riscossione fino al 31 dicembre 2012, senza interessi di mora e sanzioni, ma con il pagamento dell'80% dell'imposta iscritta a ruolo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il