BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa Speciale (PAS): iscrizioni. Modalità corsi università oltre ai costi e data inizio

Nuove informazioni sui corsi per i nuovi Tfa Speciali: cosa prevedono



Ancora novità per quanto riguarda l'attivazione dei corsi dei nuovi Tfa Speciali: sono state, infatti, definite le Università disponibili ad attivare i corsi e il numero di posti che ciascuna può mettere a disposizione per ogni anno accademico.

Ciò che rimane da definire sono i criteri di assegnazione agli Atenei. Nella nota del 30 ottobre 2013, indirizzata dal Miur alla Crui e ai Direttori degli USR, si legge che ‘Al fine di consentire la distribuzione degli aspiranti nelle Università il Miur renderà disponibile nella banca dati RAD dal 4 al 22 novembre 2013 una specifica sezione per la compilazione della scheda relativa ai Pas, in cui sarà pubblicato il fabbisogno regionale di ogni classe di concorso ,come riferimento per le necessarie attività di coordinamento regionale.

I Direttori degli USR, d’intesa con le Università, provvederanno ad assegnare i candidati alle singole Università della regione, per l’attivazione dei corsi’. Secondo quanto poi precisato dalla Cisl Scuola, le iscrizioni avverranno previa verifica dei requisiti e dei titoli.

Secondo quanto reso noto dalle Università, poi, le prove di ammissione avranno luogo, molto probabilmente, nel corso del mese di gennaio 2014. e se all'Università Milano Bicocca, il test preliminare si svolgerà il 16 dicembre per scuola dell'infanzia e primaria, il 17 per secondaria di I e II grado, con il costo del corso che sarà intorno ai 3.000 euro; per l'ateneo siciliano di Messina la tassa d'iscrizione al test preselettivo è di 151 euro, 100 euro per l'ateneo toscano di Firenze e partecipare ai corsi a Messina costerà ben 3.002 euro, contro i 2.200 di Firenze, dove il test preliminare si svolgerà l'8 gennaio 2014 alle 9, mentre la prova scritta il 21 gennaio.

Secondo quanto precisato dal Miur, i servizi utili per l’accesso ai Percorsi Speciali abilitanti permettono la possibilità di cumulare i servizi prestati su classi di concorso appartenenti a ordini e gradi di scuola diversi.

Al fine del raggiungimento dei tre anni di servizio e, così come previsto per la scuola primaria e per la scuola dell’infanzia, possono essere cumulati i servizi prestati su classi di concorso appartenenti alla scuola secondaria sia di primo che di secondo grado e almeno un anno scolastico deve essere stato prestato sulla stessa classe di concorso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il