BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Letta ultime notizie: modifiche Legge Stabilità. Buone speranze che passino

Modifiche alle pensioni in arrivo? Possibilità e novità



Ultimi giorni per discutere le eventuali modifiche da apportare alla Legge di Stabilità per quanto riguarda il capitolo pensioni. C’è chi sostiene che sarà difficile approvare quanto proposto perché si tratterebbe di interventi troppo costosi e le risorse, al contrario, sarebbero troppo poche.

In generale i nuovi emendamenti per le pensioni riguardano una nuova soglia per la no tax area per i redditi inferiori ai 12mila euro; lo stop al blocco delle indicizzazioni delle pensioni; e la possibilità di uscire prima, a 62 anni, dal lavoro, ma a condizione che si perda il posto.

Nonostante le risorse esigue, c’è chi comunque ritiene che possano esserci buone possibilità perché questi emendamenti vengano approvati, considerando che sembra esserci un accordo tra Pd e Pdl.

Se, infatti, per l’indicizzazione c’è una volontà politica di procedere a recuperare nuove risorse, tassando le pensioni più alte, per quanto riguarda l’uscita anticipata non sarebbe, effettivamente, una misura troppo costosa, perché comunque andrebbe a sostituire l’erogazione della cassa integrazione in deroga.

Unica difficoltà potrebbe essere quella della ‘nuova’ no tax area: secondo il sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta “La no tax area Irpef sotto i dodicimila euro di reddito francamente non è sostenibile”.

L'esponente del governo sottolinea che “potremmo intervenire per allineare la no tax area dei pensionati a quella dei lavoratori dipendenti, ma un innalzamento così ampio del tetto di esenzione mi pare non praticabile perchè costerebbe troppo”.

Frena sulla no tax area anche il viceministro dell’Economia, Stefano Fassina, scettico e critico nei confronti della misura, perché “Troppo costosa”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il