BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mobilità e licenziamenti statali e dipendenti pubblici in Spending Review 2013 Governo Letta

Tagli dipendenti pubblici e nuovi rincari: il programma della spending review



Interventi di licenziamenti, mobilità e turn over in discussione all'interno della spending review collegata alla Legge di Stabilità: brutte notizie in vista, dunque, per i dipendenti statali e pubblici, per cui è stato già definito il blocco del contratto e dello stipendio per il prossimo anno.

L'obiettivo, indicato dal ministro Fabrizio Saccomanni, è realizzare fino al 2017 un risparmio di spesa di 2 punti di Pil rispetto al 2013. E per centrare questo obiettivo sono stati indicati alcuni possibili strumenti: da una maggiore mobilità dei dipendenti pubblici a un sistema di incentivi per premiare gli enti che tagliano.

In particolare, la spending review affronterà la questione della mobilità nel pubblico impiego compresa l'esplorazione di canali d'uscita e rivalutazione delle misure del turn-over.

Previsti anche interventi per incentivare la mobilità tra amministrazioni e funzioni e corsi di formazione ad hoc per aumentare la flessibilità gestionale dei dirigenti pubblici al fine di trasformarli in veri manager della spesa pubblica interessati non solo al rispetto formale delle regole contabili ma anche al contenimento dei costi e al miglioramento della qualità dei servizi.

Allo studio anche un sistema di incentivi finanziari che facilitino la collaborazione dei centri di spesa nella individuazione di risparmi di spesa. Nel programma di spending, verranno stilate ‘classifiche’ per evidenziare centri di spesa virtuosi e quelli meno efficienti.

Previsti anche nuove rincari a carico dei contribuenti: dal canone Rai, che potrebbe salire a 119,50 euro cioè 6 euro in più rispetto a quanto pagato quest'anno; all'imposta di bollo sulle comunicazioni periodiche alla clientela relative a prodotti finanziari. Dall'1,5 mille di quest'anno si passerà al 2 per mille e l’aumento riguarderà gli intestatari di depositi bancari e postali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il