BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ristrutturazione casa 50%-65%, cucina, mobili, elettrodomestici 2013: quali spese inserire

Quali spese beneficiano del bonus ristrutturazioni: la lista



Chi ha intenzione di ristrutturare casa potrà ancora per tutto il 2014 usufruire dei nuovi bonus sulle ristrutturazioni edilizie. Le detrazioni sono fissate, anche per quest’anno, rispettivamente del 50% e del 65%, ma scenderanno poi al 40% e al 50% per il successivo biennio 2015-2016.

Potrà beneficiare di tali detrazioni chi sostiene la spesa, quindi sia i proprietari degli immobili, sia i locatari. Le detrazioni del 50% e del 65% varranno per le spese sostenute per interventi per il risparmio energetico, sostituzione di caldaie, di condizionatori, acquisto di mobili, frigoriferi, forni, lavatrici, elettrodomestici, interventi di recupero e restauro edilizio, costruzione o acquisto di box auto, interventi per adeguare gli edifici alle norme antisismiche.

La lista degli interventi agevolati riguarda anche porte, finestre, infissi, antenne, caldaie, balconi, pareti e coperture, garage. tapparelle, tetti, soppalchi, pannelli solari.

La detrazione spetta, in particolare, per le spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti, per cui il valore massimo della detrazione è pari a 100.000 euro; per interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari, riguardanti strutture opache verticali, strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti), finestre comprensive di infissi, fino a un valore massimo della detrazione di 60.000 euro.

Saranno, inoltre, valide per la sostituzione dei portoni d’ingresso, a condizione che si tratti di serramenti che delimitano l’involucro riscaldato dell’edificio verso l’esterno o verso locali non riscaldati, per l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali, per interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione, e per interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria, con un limite massimo della detrazione pari a 30.000 euro.


La detrazione fiscale del 50% delle spese per la ristrutturazione degli immobili, vale, come detto, anche per l’acquisto dei mobili e degli elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni) finalizzati all’arredo dell’immobile ristrutturato, fino ad un massimo di spesa di 10.000 euro.

Possono usufruire della detrazione del 50% per i mobili e gli elettrodomestici tutti coloro che hanno avviato una ristrutturazione  a partire dal 26 giugno 2012, cioè dalla data di entrata in vigore del DL 83/2012 che ha innalzato dal 36% al 50% la detrazione per le ristrutturazioni.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il