BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge di Stabilità: aumento busta paga, tassa su casa, nuovi emendamenti. Novità e aggiornamenti

Gli emendamenti ancora in discussione alla nuova Legge di Stabilità: quali saranno approvati



Lavoro, casa e sviluppo: sono questi i tre punti principali in discussione nella Legge di Stabilità. Partendo dalle tasse che ruotano intorno agli immobili, il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, ha annunciato che “la prima modifica che faremo alla Legge di Stabilità è di rendere obbligatorie le detrazioni sulla Tasi per le famiglie in base al numero di componenti e al reddito e all'annuncio seguirà l'impegno: anche la seconda rata dell'Imu sarà abolita. Stiamo discutendo per definire alcuni principi per il 2014. Sulla prima casa non dovrà rientrare dalla finestra ciò che è uscito dalla porta e si dovrà pagare una tassa sui servizi. Dovranno essere reintrodotte le detrazioni”.

In discussione anche la proposta di Antonio D'Alì del Pdl che ha proposto una semplificazione della service tax e un tetto per l'aumento che compete ai Comuni. Altro punto in discussione il cuneo fiscale: le modifiche in merito dovrebbero prevede l'abbassamento della platea dei beneficiari del taglio sotto i 30mila euro lordi di reddito.

La misura tradotta in cifre significa circa 200 euro in più in busta paga all'anno che il governo intende erogare in un'unica  tranche. In discussione anche il nuovo condono per il  rientro dei capitali, che prevede l’aliquota del 12% sui patrimoni nascosti al fisco e depositati all’estero che finirebbero per rientrare.

Tra gli emendamenti in discussione anche quello che introduce un contributo sulle pensioni d’oro ed eleva fino a quattro volte il minimo Inps (circa duemila euro lordi al mese) la rivalutazione piena degli assegni al costo della vita. Confermato dunque il prelievo di solidarietà del 5% sulle pensioni oltre 90 mila euro lordi annui che sale al 15% per importi superiori ai 190 mila euro lordi annui. Inoltre, dovrebbe salire da sedici euro a 225 euro, per le fasce di reddito più basse, l’aumento in busta paga.

Sempre in materia di fiscalità, inoltre, via libera alla possibilità di trasferire un conto corrente da una banca a un'altra senza spese aggiuntive. Si discute anche di spiagge, stadi e definizione agevolata delle cartelle di Equitalia. Per quanto riguarda le spiagge, non ci sarà nessuna vendita delle concessioni demaniali e non ci sarà nessun condono, secondo quanto reso noto da fonti del governo. Per le concessioni demaniali si profila un regolamento cui affidare il delicato compito di rivedere l'intera disciplina, dalla rivalutazione delle stesse concessioni alle semplificazioni di procedure e attività.

Per quanto riguarda gli stadi, l'emendamento in arrivo prevederebbe l'ammodernamento degli impianti già esistenti o, in caso di comprovate ragioni, la realizzazione di nuovi impianti sportivi che in entrambi i casi comunque dovranno essere omologati per un numero di posti pari o superiore a 500 se al coperto (i classici Palazzetti) o a 2.000 posti se allo scoperto. L'obiettivo principale dell'intervento di ammodernamento o costruzione ex novo resterebbe quello della sicurezza degli impianti e degli spettatori.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il