BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ristrutturazione casa detrazioni 50-65%:guida aggiornata regole 2013.Bonus mobili e elettrodomestici

Come ottenere bonus ristrutturazioni, per cosa valgono, chi può richiederli e tetti massimi: tutte le informazioni



Sono state prorogate fino al 2014 le detrazioni fiscali del 50% e 65% per il risparmio energetico. L'agevolazione consiste in una detrazione dall'imposta lorda, Irpef e Ires, in misura pari al 50% o 65% delle spese per gli interventi di riqualificazione energetica sostenute entro il 31 dicembre 2014 per i privati ed entro il 30 giugno 2014 per i condomini.

La ripartizione della quota detratta è di 10 quote annuali dello stesso importo, considerando che la detrazione del 50% ha tetto massimo di 96 mila euro, più 10 mila euro per arredamento e elettrodomestici, e quella del 65%, in base alla tipologia di intervento, ha un tetto massimo che oscilla dai 100 mila euro per gli interventi di riqualificazione globale ai 30 mila euro per la sostituzione degli impianti di climatizzazione.

E’ importante chiarire che la detrazione scatta solo se le spese sostenuto vengono pagate con bonifico bancario o postale. Per ottenere le detrazioni, infatti, bisogna effettuare i pagamenti con bonifici bancari o postali con le medesime modalità già previste per i pagamenti dei lavori di ristrutturazione fiscalmente agevolati.

Nei bonifici dovranno essere riportati la causale del versamento attualmente utilizzata dalle banche e da Poste Italiane Spa per i bonifici relativi ai lavori di ristrutturazione fiscalmente agevolati, il codice fiscale del beneficiario della detrazione e il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato.

Entrando più nel dettaglio, la detrazione del 50% vale su tutti gli interventi di ristrutturazione, impermeabilizzazione, consolidamento antisismico, installazione di impianti elettrici, idrici, ascensori, bonifica dall'amianto, e per chi compra mobili ed elettrodomestici di classe A+ o superiore ma solo se relativi all’immobile oggetto di lavori di ristrutturazione.

Tale detrazione vale per tutti gli edifici residenziali. La detrazione del 65%, invece, vale per tutti gli interventi di installazione di pannelli solari, pompe di calore, impianti termici e geotermici, caldaie ad alta efficienza energetica, infissi esterni, cappotti termici, coperture, pavimenti e altro che concorrono al miglioramento delle prestazioni energetiche dell'edificio.

A partire dal 2014 a questi si aggiungono gli interventi di efficientamento idrico e le sostituzioni di coperture in amianto. Questa detrazione del 65% vale per tutti gli edifici già costruiti, quindi non in costruzione, residenziali e non. Le detrazioni del 50% e del 65% scenderanno poi al 40% e al 50% per il successivo biennio 2015-2016.  Ricordiamo che tali detrazioni fiscali spetteranno a chi sostiene la spesa, quindi sia i proprietari degli immobili, che i locatari o i comodatari.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il