Tasse e acconti: calendario fiscale Dicembre 2013 e Gennaio 2014 aggiornato

Le scadenze di dicembre e gennaio: nessuna proroga



Nessuna proroga stabilita: dovrà essere versata entro il prossimo 2 dicembre 2013 la seconda rata, o unica, degli acconti 2013 relativi alle imposte Irpef, Ires, Irap, alla cedolare secca sulle locazioni di immobili abitativi, alle imposte, alle patrimoniali su immobili e attività finanziarie all’estero (IVIE e IVAFE), e all’ imposta sostitutiva per i minimi.

Per ciascuna imposta/contributo è possibile adottare alternativamente il metodo storico o il metodo previsionale: con  il metodo storico l’acconto 2013 è determinato in base all'importo indicato al rigo differenza ovvero IRES dovuta o differenza a favore del contribuente di Unico 2013, e al rigo Totale imposta del modello IRAP 2013.

Per determinare l'ammontare da versare va considerato anche l'eventuale saldo a credito risultante dal modello Unico/Irap. Con il metodo previsionale, invece, è possibile versare in misura inferiore a quanto risulta sulla scorta del criterio storico qualora si presuma di conseguire un reddito nel 2013 inferiore a quello relativo al 2012. Bisogna, in questo caso, determinare l’imposta presunta sulla base delle disposizioni fiscali per l’anno 2013 e versare la percentuale minima prevista per l’acconto.

I contribuenti che applicano tale criterio dovranno successivamente verificare se quanto versato in sede di acconto si rivela sufficiente o meno e, in caso di incapienza, bisognerà procedere al ravvedimento operoso dei minori acconti versati. Ricordiamo che, a decorrere dal 2013, l’acconto IRPEF passa dal 99% al 100%, e l’acconto IRES passa dal 100% al 101%.

Il 12 dicembre appuntamento poi con i beni ai soci e la comunicazione dei finanziamenti di soci all’impresa; il 16, invece, l’appuntamento sarà con il pagamento del saldo Imu 2013; il 27 con il versamento dell’acconto Iva; mentre il 16 gennaio si dovrà versare l’Imu sulla prima casa nei Comuni che hanno aumentato le aliquote rispetto al 2012.
 

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il