BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Amnistia e indulto 2013-2014 Governo Letta e Cancellieri. Novità possibili e ultime notizie

Otto ore d'aria, potenziamento contatti con le famiglie e misure alternative per reati minore per svuotare le carceri: novità possibili



Fino otto ore d'aria per i detenuti, con la possibilità di praticare anche attività sportive e musicali, e il potenziamento dei contatti con le famiglie: queste in particolare le misure che il ministro della giustizia, Anna Maria Cancellieri, sta perseguendo per migliorare le condizioni di vita nelle carceri. Ma non solo.

Vorrebbe anche la creazione di ulteriori posti, con 4500 nuovi posti per maggio 2014 e 12 mila posti in più entro il 2015. Il ministro ha illustrato “un insieme di provvedimenti di tipo amministrativo messi a punto da un'apposita Commissione e rivolti prioritariamente ai detenuti classificati come richiedenti misure di media o bassa sicurezza; le linee guida di tali interventi sono le Regole penitenziarie europee, nella loro formulazione di cui alla Raccomandazione n. 2 del 2006.

Il modello paradigmatico che si vuole introdurre è quello di una detenzione aperta nel perimetro intramurario, in cui le camere di pernottamento siano luoghi per il riposo e non per lo svolgersi della giornata quasi nella sua interezza”.

Per quanto riguarda poi amnistia e indulto 2013, considerando che il sovraffollamento non si è ridotto in molte regioni, come Toscana, Calabria e Liguria, governo e ministro Cancellieri sono al lavoro, ma più che su misure di amnistia e indulto, su misure per rendere molto più parca l'applicazione della custodia cautelare, con l’ipotesi di misure differenti dal carcere per chi ha compiuto reati minori.

Il presidente della Regione Toscana, commentando la drammatica situazione carceri, ha suggerito la possibilità di spostare un certo numero di detenuti per reati di tossicodipendenza fuori dal carcere, in apposite comunità, ma ha anche chiesto al Ministro di intervenire affinchè tali posti liberati non vengano poi occupati subito da nuovi detenuti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il