BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Pensioni usuranti e precoci Governo Letta: il punto della situazione aggiornato

Cosa potrebbe cambiare per precoci e usuranti: domani ultime discussioni alla Camera



La Legge di Stabilità ha ricevuto la fiducia al Senato e domani si avvia ad approdare alla Camera: ciò che ci si augura è che vengano inserite all’ultimo momento modifiche che tocchino soprattutto nodi come esodati, pensionandi di Quota 96, lavoratori precoci ed usuranti, per cui da tempo era stata richiesta la possibilità che potessero andare in pensione con le vecchie regole, quelle cioè antecedenti l’entrata in vigore delle nuove norme Fornero che hanno allungato l’età pensionabile per tutti.

Ma queste particolari categorie di lavoratori, sia perché a lavoro da giovanissimi, sia per la pesantezza dell’eventuale mansione svolta, non possono rimanere a lavoro fino a 66 anni. E ad essi si aggiunge il caso dei cosiddetti Quota 96, considerati anch’essi usuranti. Bloccata anche la possibilità di pensione anticipata per i militari dell'esercito di congedarsi a 50 anni, cioè 10 anni prima della soglia attualmente prevista per l’uscita dal lavoro, con l'85% dello stipendio e con il diritto alla pensione piena.

Si dovrà, dunque, cercare di risolvere queste questioni ancora aperte, anche per cercare di far rientrare il nuovo allarme sulla situazione previdenziale del Belpaese arrivato dall’Ocse. Secondo l’organizzazione, infatti, ‘In Italia, l'adeguatezza dei redditi pensionistici potrà essere un problema per le generazioni future e i lavoratori con carriere intermittenti, lavori precari e mal retribuiti sono più vulnerabili al rischio di povertà durante la vecchiaia’. In pratica significa che i precari di oggi potrebbero diventare i poveri di domani.

L’Ocse, in particolare, punta il dito contro il metodo contributivo, esteso per tutti dalla legge Fornero in vigore dallo scorso anno, e l'assenza di pensioni sociali.

Probabilmente per ovviare a questa situazione di futuro decisamente incerto, sarebbe stato meglioprevedere interventi a favore delle categorie più particolari di precoci e usuranti. Ma così non è stato e si spera che qualcosa possa cambiare con il passaggio alla Camera.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il