BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2013: calcolo sempre più complicato e possibili nuove tasse

Caos calcolo Imu e ancora aumenti: la situazione



Mentre Caf e commercialisti sono alle prese con il caos provocato da calcoli e ritardi per il pagamento Imu, una cosa è certa: mancano le coperture della prima rata dell’Imu e per le imprese e i cittadini si prospetta un ulteriore aumento del carico fiscale. Secondo la Cgia: “Il ministero dell’Economia, per coprire la parte di gettito mancante, potrà dar luogo a un provvedimento di legge che preveda ulteriori aumento di accise sul gas, l’energia elettrica e le bevande alcoliche”.

“Voglio sperare che ciò non accada, ha dichiarato Giuseppe Bortolussi segretario della Cgia”. Ed è intanto caos, come detto, nei Caf per il calcolo della seconda rata Imu. Il decreto legge che cancella, solo parzialmente, il versamento di dicembre sulle abitazioni principali, è stato approvato troppo a ridosso delle scadenze e  la confusione generata dalla norma che consente ai comuni di far pagare la quota di imposta relativa all’eventuale aumento stabilito nel 2012 e nel 2013 rispetto all’aliquota ordinaria (4 per mille) rende estremamente probabili errori nella determinazione degli importi da pagare entro il 16 gennaio.

Secondo Unimpresa, a cui aderiscono 900 Centri di assistenza fiscale distribuiti in 60 province in tutta Italia, il decreto prevede il pagamento per la quota di Imu superiore alla aliquota base fissata al 4 per mille; i proprietari di abitazioni principali dovranno corrispondere ai comuni il 40% di questa eccedenza mentre il restante 60% è a carico dello Stato.

Su 8.000 comuni complessivi, finora sono stati approvati circa 4.000 regolamenti Imu: c’è ancora tempo fino al 5 dicembre ed è assai probabile che si assisterà ad aumenti selvaggi. E altra difficoltà, conseguente, è la determinazione degli importi, considerando il poco tempo a disposizione dei professionisti per calcolare l’importato da pagare e che il decreto Imu prevede che solo una parte (il 40%) dell’imposta sia effettivamente pagata.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il