BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Letta ultime notizie: modifiche richieste da Damiano secondo voto Legge Stabilità

Damiano torna ad esortare il governo su nuovi interventi sulle pensioni



L’ultimo passaggio della Legge di Stabilità alla Camera rappresenta anche l’ultima speranza di modifiche all’attuale sistema pensionistico, modifiche da molti richieste, modifiche necessarie a risolvere questioni cruciali, come quella degli esodati, ed ‘errori’, come i cosiddetti pensionandi di Quota 96, generati dall’attuale legge voluta dall’ex ministro Fornero.

Ed è il presidente della Commissione Lavoro, Cesare Damiano, ad intervenire di nuovo su questioni esodati e pensioni, tornando, ancora un volta, ad esortare il governo su nuovi cambiamenti. Damiano dice: “Bisogna intervenire sulla legge di Stabilità, che arriva per la discussione alla Camera, al fine di migliorare l' indicizzazione delle pensioni e per affrontare il tema dei cosiddetti esodati”.

Sulla questione esodati “dobbiamo muoverci in due direzione: allargare la platea dei 'salvaguardati' che è al momento arrivata al numero di 145 mila, con un impegno di risorse finanziarie superiori ai 10 miliardi di euro; cambiare le regole del fondo esodati perché non è accettabile che dei 145 mila lavoratori che potranno utilizzare le regole pensionistiche ante-Fornero, l'Inps abbia solamente liquidato 25mila pensioni. Infine dobbiamo migliorare l'accesso per i giovani al bonus precari e ampliare a tutti i lavori il diritto di fruire di ammortizzatori sociali nel caso di disoccupazione”.

L'auspicio è, dunque, che alla Camera si riproponga la riapertura della partita sulle pensioni per rendere più soft il blocco dell'indicizzazione sugli assegni al minimo, come propone il Pd, e alzare la soglia da 90mila 100-120mila euro sopra la quale far scattare il contributo di solidarietà sui trattamenti più elevati, come chiede il centrodestra.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il