Imu: prima casa Gennaio Mini saldo. Aumento acconto iva cancellazione o rimborso. Ipotesi Governo

Mini stangata Imu e acconto Iva: le ipotesi allo studio del governo per recuperare risorse



In arrivo una Mini-Imu che dovrà essere pagata il prossimo 16 gennaio 2014. Secondo quanto stabilito dal governo Letta, infatti, i proprietari di prima casa dovranno pagare il 16 gennaio prossimo una tassa pari al 40% della differenza fra l’aliquota decisa dal Comune di appartenenza e l’aliquota minima dello 0,4%.

Saranno tenuti al pagamento coloro che risiedono in uno di quei 2.375 Comuni italiani che hanno alzato l’aliquota sull’Imu sopra lo 0,4%. Nella maggior parte dei casi si pagherà la stessa somma versata a giugno come prima rata, se il Comune abbia mantenuto le stesse aliquote 2012 e che si sia mantenuto il possesso dell’immobile per tutto l’anno.

Ma ci sono alcuni casi particolari, come quello delle abitazioni di lusso delle categorie catastali A/1 (abitazioni signorili); A/8 (ville) e A/9 (dimore storiche) che pagheranno anche se si tratta di abitazioni principali, con una detrazione forfettaria di 200 euro. Pagheranno anche le abitazioni degli Iacp, salvo modifiche della legge di Stabilità: per questi immobili il Comune può stabilire un’aliquota specifica (a Milano è lo 0,6%) ed è in ogni caso prevista una detrazione forfettaria di 200 euro.

Per quanto riguarda il pagamento Imu del 16 gennaio per immobili e terreni agricoli è prevista l’esenzione dall’Imu, e non cambia se si tratta di terreni coltivati o di terreni solamente posseduti da coltivatori diretti o da contribuenti iscritti alle forme previdenziali degli agricoltori. Pagano l’Imu i fabbricati agricoli, a meno che non siano utilizzati per lo svolgimento dell’attività imprenditoriale dell’agricoltore. I comuni che hanno mantenuto l’aliquota prima casa al 4 per mille possono ritoccarla all’insù fino al 5 dicembre.

Per pagare la mini Imu, prima si applica l’aliquota standard del 4 per mille al valore catastale della casa, moltiplicando il valore catastale per 4 per poi dividerlo per mille. Si sottraggono poi al risultato 200 euro di detrazioni standard e 50 euro per ogni figlio convivente (fino a 26 anni).

Per ottenere la differenza da pagare, occorre sottrarre all’Imu calcolato con aliquota effettiva del Comune l’imposta calcolata con aliquota standard, di questo risultato, il contribuente pagherà il 40%.

Ma il governo cerca di evitare che il 16 gennaio prossimo dieci milioni di italiani siano costretti a pagare una mini-Imu. Servono 200 milioni, che potrebbero arrivare dall'acconto Iva del 27 dicembre, poi compensato con un aumento delle accise nel 2014.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il