BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni usuranti e precoci Governo Letta: Corte dei Conti richiede modifiche urgenti

Corte dei Conti punta il dito sulle pensioni: situazioni e richieste



Sindacati e associazioni attendono le modifiche della Legge di Stabilità alla Camera, soprattutto per quel che riguarda il capitolo pensioni. L’attesa riguarda soprattutto interventi per precoci ed usuranti per cui spesso è stata avanzata la richiesta di poter andare in pensione con le vecchie regole. Ma non sembra che il governo sia intenzionato a lavorare in tal senso. Sono tante le questioni ancora aperte, dunque.

E a puntare il dito contro il sistema pensionistico italiano è anche la Corte dei Conti. Secondo la Corte, infatti, ‘E' necessaria una revisione dei conti Inps, che permetta di mettere in campo delle misure indilazionabili per garantire un equilibrio degli stessi conti. Inoltre è necessaria anche una verifica sull’adeguatezza o meno delle pensioni erogate con il metodo contributivo oltre ad una attenta revisione della procedura che permette di accedere all’invalidità civile tramite medici convenzionati’.

Analizzando il bilancio dell’ente previdenziale, la Corte dei Conti ha registrato un disavanzo finanziario che aumenterebbe il deficit dell’Inps. A questo punto un risanamento del bilancio dell’ente appare indilazionabile. La Corte dei Conti avverte che è necessaria ‘un’attenta e responsabile riflessione sulla perdurante criticità dell’invalidità civile, che ha ampiamente confermato l’improrogabilità di un intervento legislativo volto a completare il trasferimento delle competenze dell’intero procedimento in capo all’Inps, nella constatata inefficacia delle scelte procedurali operate e del massiccio ricorso a medici esterni convenzionati, che mette a rischio le capacità di governo del settore da parte dell’Ente’.

Infine, per la Corte dei Conti è necessario un monitoraggio continuo sugli effetti che le riforme del lavoro e della previdenza hanno, ponendo una particolare attenzione su quanto siano adeguate le pensione che vengono erogate in base al metodo contributivo, visto che appare enorme il divario con quelle erogate in base al metodo retributivo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il