BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Primarie Pd 2013: regolamento. quando, dove e come si vota. E chi può votare

Come votare per le primarie dell’8 dicembre: chi può farlo e come



Si vota domenica 8 dicembre per le primarie del Partito Democratico per eleggere il segretario nazionale e candidato premier e la sua assemblea nazionale. In corsa Matteo Renzi, Gianni Cuperlo e Giuseppe Civati. Hanno diritto al voto tutti i cittadini e le cittadine che hanno compiuto il sedicesimo anno di età. Per sapere in quale seggio votare bisogna connettersi al sito www.primariepd2013.it  e controllare sulla sezione ‘Trova il tuo seggio’.

Le votazioni si svolgeranno dalle 8 alle 20. Potranno votare sia gli iscritti al Partito Democratico che i non iscritti, in quest’ultimo caso essi potranno pre-registrarsi on-line sul sito www.primariepd2013.it o recarsi direttamente al seggio di appartenenza muniti di documento d’identità e tessera elettorale.

Dopo aver versato un contributo di due euro sarà possibile votare. La registrazione on-line è obbligatoria per i giovani dai 16 ai 18 anni e dopo aver effettuato la registrazione riceveranno comunicazione del luogo in cui recarsi a votare. Per votare bisogna recarsi presso il circolo del Pd muniti di un documento d’identità e di Tessera Elettorale e sarà consegnata la scheda elettorale per esercitare il diritto di voto. Non saranno tenuti al versamento del contributo di due euro.

Per i cittadini immigrati ed extra-comunitari, coloro in possesso di regolare permesso di soggiorno potranno votare esclusivamente al seggio speciale del comune di riferimento, presentando un documento d’identità o  il permesso di soggiorno o la ricevuta di richiesta del rinnovo. Per votare occorre presentarsi al seggio con un documento di identità e la tessera elettorale.

Per i minorenni e i cittadini stranieri serve solo il documento di identità. Per esprimere il proprio voto, bisognerà poi barrare sulla scheda il nome della lista del candidato a Segretario Nazionale del Pd che intendi sostenere. Potranno votare anche gli italiani all’estero online per le, ma dovranno possedere un telefonino con numero straniero e sborsare quattro euro anziché due.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il