BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Indulto e amnistia carceri 2013-2014 Ministro Cancellieri confermato a breve con le riforme

Novità carceri, indulto e amnistia: cosa potrebbe cambiare



Otto ore di aria per i detenuti, con la possibilità di praticare anche attività sportive e musicali; potenziamento dei contatti con le famiglie; la creazione di ulteriori posti, con 4500 nuovi posti per maggio 2014 e 12 mila posti in più entro il 2015; e la possibilità di norme che prevedano, soprattutto verso la fine della pena, “la restituzione degli stranieri al loro Paese d'origine perchè completino là il percorso”: queste le misure principali contenute nella riforma delle carceri su cui sta lavorando il ministro della giustizia, Anna Maria Cancellieri, per migliorare le condizioni di vita nelle carceri.

Sul sovraffollamento, il ministro ha assicurato “Diminuiremo le entrate. Bisogna pensare a pene alternative: chi sporca i muri, per esempio, li deve pulire e fare così lavori utili. E' inutile che vada in carcere, che rischia di trasformarsi in una scuola negativa, dalla quale si esce provati”.

E, proprio considerando il problema del sovraffollamento, per quanto riguarda poi amnistia e indulto 2013, governo e ministro Cancellieri sono al lavoro su misure differenti dal carcere per chi ha compiuto reati minori; su misure per rendere più parca l'applicazione della custodia cautelare, con l’ipotesi di misure differenti dal carcere per chi ha compiuto reati minori.

Sul sovraffollamento carceri, poi il ministro spiega che “se il Parlamento le approvasse, per la prima volta questi provvedimenti sarebbero accompagnati dalle riforme del processo penale, di quello civile e dell'ordinamento giudiziario”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il