BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sciopero Movimento Forconi: 8-9 Dicembre 2013 si farà. Nonostante revoca autotrasportatori

Nuovo blocco strade dei Forconi: giorni e motivi della protesta



Era circolata la notizia di una possibile revoca, in realtà il nuovo blocco indetto dal Movimento dei Forconi partirà dalla sera di domenica 8 dicembre, nonostante non vi partecipino gli autotrasportatori. Lo sciopero dei Tir è stato infatti revocato perchè Unatras, FAI-Conftrasporto e Anita, dopo un incontro con il Ministro Lupi, sono state soddisfatte dalle promesse del ministro che, tra le altre cose, ha garantito il ripristino dei rimborsi sulle accise e la tutela dell’intero comparto autotrasporto.

Non tutte le sigle del settore sono però unite in questa decisione di revocare lo sciopero, coloro che hanno deciso di aderire allo sciopero dei Forconi, infatti, non hanno intenzione di sospendere l’agitazione. L'organizzazione della protesta è stata curata essenzialmente attraverso i social network e gli organizzatori hanno esplicitamente richiesto l'assenza di bandiere politiche, poichè la protesta non è politicizzata. chi decide di aderire, secondo quanto riportato dal volantino, deve abolire la violenza fisica e verbale ed è fatto divieto di manifestare violentemente; non ci saranno infatti manifestazioni violente che prevedano incendi o vetrine rotte.

Si prospetta, dunque, un blocco di strade, autostrade e valichi di frontiera dalla sera dell'8 dicembre alle 22 fino al 13 dicembre, come proclamato inizialmente dai sindacati. Si è parlato di durata ad oltranza della protesta, auspicando l'adesione non soltanto di allevatori, camionisti, coltivatori e piccoli commercianti, ma di tutta la popolazione attiva italiana.

Quello che si vorrebbe ottenere con questa protesta a livello nazionale è il sovvertimento dell'attuale situazione italiana, risultato, però, forse difficile da conseguire.

Alla protesta aderiscono oltre al Movimento dei Forconi anche altre sigle ed altri comitati, tra cui Azione Rurale Veneto, comunemente definiti come i ‘Cobas del Mais’, l’A.I.Tras, Associazione Italiana Trasportatori, C.R.A. Comitati Riuniti Agricoli. Ed ancora Life Veneto, il movimento dei Liberi Imprenditori Federalisti Europei, M.A.A. Movimento Autonomo Autotrasportatori, i Cobas del Latte ed NVPP- Non vogliamo più pagare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il