BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sciopero Movimento Forconi e trasporti: al momento nessun blocco stradale e autostradale

Al via la protesta dei Forconi ma al momento nessun grave disagio per blocchi strade



E’ partita la protesta 'Fermiamo l’Italia' del movimento dei Forconi, ma la manifestazione che inizialmente prevedeva il blocco delle vie di comunicazione, non sta creando particolari disagi stradali e autostradali: niente blocchi selvaggi, infatti, ma solo presidi e volantinaggi nelle piazze e per le strade. Nonostante la revoca di parte degli autotrasportatori, l’annuncio di un loro stop spaventa.

Pur avendo aderito solo alcune sigle, a cui potrebbero aggiungersi anche i Cobas, sono già più di trenta i presìdi programmati dai camionisti. Il rischio principale riguarda possibili blocchi di strade e di nodi ferroviari in grado paralizzare la circolazione in diverse parti del Paese. I primi blocchi si sono avuti nella serata di domenica nel Frusinate, in particolare ai caselli autostradali di Frosinone, Ferentino, Anagni e Cassino. In Veneto, invece sono comparsi anche nella tarda serata di domenica i primi presidi.

La Polstrada del Veneto segnala almeno quattro raggruppamenti di attivisti, che stanno dispensando volantini con i motivi della protesta: uno formato da una decina di persone sta attuando un sit in all'uscita del casello di Soave (Verona) sulla A4, mentre sono una trentina gli attivisti presenti sulla statale 13 Pontebbana a Ponte della Priula (Treviso); un altro presidio è segnalato sulla A27 all'uscita di Conegliano (Treviso), mentre un gruppo di una cinquantina di persone sta volantinando nella zona industriale di Cittadella (Padova).

Per ora gli attivisti dei 'forconi' non hanno causato alcun problema al traffico, e la situazione appare tranquilla. A Torino , per ora non si registrano particolari criticità: un presidio si è formato stanotte al Centro agroalimentare di Beinasco per poi spostarsi alle prime luci dell'alba verso Torino. Una trentina di manifestanti stanno bloccando in entrata ed uscita il casello di Carisio sull'autostrada Torino-Milano, non permettendo il passaggio dei mezzi pesanti.

In città i manifestanti si sono raccolti, come previsto, in piazza Derna a nord e in piazza Pitagora a sud, dove si registra il presidio più corposo. Con le bandiere tricolore distribuiscono volantini ai semafori, esponendo le ragioni della protesta agli automobilisti. Qualche rallentamento al traffico, soprattutto nella zona di Santa Rita.

Un altro assembramento in centro, in piazza Castello. Due nella notte le azioni di protesta del movimento dei forconi nei pressi di Napoli: un volantinaggio sulla SS 7 bis all'altezza di Nola e un tentativo di 'sensibilizzazione' nei pressi del casello di Palma Campania sulla A30 da parte di circa 60 manifestanti. Non è stato registrato alcun problema sulla circolazione stradale; a Bari si procede a rilento all'altezza dell'uscita di Poggiofranco sulla tangenziale.

In provincia di Bari l'altro presidio è sulla strada provinciale 231 all'altezza di Corato. Nessun problema sulle altre statali 96 e 100. A Catania, invece, al casello di San Gregorio dell'autostrada A18 Messina-Catania, una delegazione di una decina di manifestanti ha trascorso la notte sul posto annunciando un volantinaggio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il