BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge Stabilità: novità emendamenti Camera. Oltre 3000 per modifiche. C'è anche Imu prima casa

Tobin tax, web tax, indicizzazione pensioni, contributo di solidarietà sul vitalizio dei politici: modifiche ancora in discussione alla Camera



Modifiche alla nuova Iuc che sostituirà l’Imu, una Tobin tax più leggera ma estesa a tutte le transazioni sui prodotti finanziari, escluse quelle sui titoli di Stato, modifiche sulle pensioni per garantire l’indicizzazione delle pensioni fino a quattro volte il minimo, circa duemila euro e per l’abolizione del cumulo con i redditi da lavoro nel settore pubblico per le pensioni che garantiscono un reddito di 50 mila euro annui, una nuova tassa sulle multinazionali che producono reddito in Italia attraverso i portali Internet e un’imposta di bollo sui titoli più pesante: sono queste alcune delle oltre 3mila modifiche principali in discussione nella Legge di Stabilità.

L’ampliamento della Tobin tax è stato proposto dal Pd, ma l’alleggerimento della tassa insieme all’allargamento della base imponibile è stato sottoscritto anche dai capigruppo in commissione Bilancio di Scelta civica, Ncd, Sel, del Gruppo misto e della Lega Nord. L’aliquota del prelievo potrebbe scendere dallo 0,2% allo 0,001 %, ma essere applicata a una quantità molto più ampia di transazioni finanziarie, incluse quelle sui prodotti derivati.

L’obiettivo è quello di reperire maggiori risorse necessarie per rafforzare il taglio delle tasse sul lavoro e sulle imprese. A questo punta anche la cosiddetta web tax, tassa per imprese multinazionali che operano in Italia attraverso i portali telematici, che sarebbero obbligate ad aprire una partita Iva nel nostro Paese.

Sempre dal Pd arriva un emendamento che elimina il tetto minimo di 34 euro, e quello massimo di 4.500 euro, per l’imposta di bollo sul conto titoli, che diverrebbe progressiva. Altra modifica in discussione alla Camera, quella che costringerebbe i parlamentari a versare un contributo di solidarietà dai propri vitalizi. I fondi andrebbero destinati agli stanziamenti a favore della social card, la carta in sperimentazione su alcuni dei maggiori centri del Paese per le famiglie in difficoltà.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il