BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Isee 2014 nuovo: calcolo e metodi. Come funziona, quando, come si applica.

Come usare il nuovo Isee: calcoli e novità



Sarà in vigore dal prossimo 2014 il nuovo Isee, l'indicatore economico con il quale che misura la condizione delle famiglie per accedere ai servizi sociali, dalla scuola alla sanità.

Per richiedere il calcolo dell’Isee, è necessario presentare un modulo compilato, cioè la Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu), ad uno dei seguenti uffici competenti: i Centri di Assistenza Fiscale (Caf) dei sindacati, delle associazioni e dei Comuni; gli uffici degli Enti che erogano le varie prestazioni richieste; direttamente gli uffici dell’Inps della propria zona.

Per determinare l’Isee (indicatore della situazione economica equivalente) si considerano i seguenti fattori opportunamente combinati fra loro: il reddito del nucleo familiare; il patrimonio mobiliare ed immobiliare; la composizione del nucleo familiare.

Il nuovo Indicatore della situazione economica equivalente prevede che solo una parte dei dati potrà essere autocertificata, al contrario di quanto attualmente accade, mentre i dati fiscali più importanti come il reddito complessivo e quelli relativi alle prestazioni ricevute dall'Inps saranno compilati direttamente dalla pubblica amministrazione.

Ora verranno incrociate le diverse Banche Dati fiscali e contributive, ridotte le aree dell'autodichiarazione, saranno integrati dati e prestazioni a livello nazionale e locale, ed sarà prevista una definizione più ampia del reddito ed un maggior peso della situazione patrimoniale.

D’ora in avanti, si punterà maggiore attenzione alle famiglie numerose, cioè con oltre i 3 figli, e, in particolare, a quelle in cui si trova un disabile a carico; e alle fasce più esposte in situazione di crisi economica e dell’occupazione, come i pensionati, i precari e i disoccupati, per cui vengono anche ridefiniti i parametri di base che consentiranno di avvicendare i patrimoni delle singole famiglie, i quali verranno a comporsi in base al reddito e ai possedimenti mobiliari o immobiliari di ogni singolo componente.

Inoltre, d’ora in avanti nel computo dei beni dichiarati nell’ambito Isee, rientrano anche le case possedute all’estero, già oggetto di tassazione tramite l’Ivie, mentre per chi è in affitto, poi, viene introdotta la possibilità di dedurre parte del canone di locazione, e arriveranno nuove agevolazioni su chi compie lavori domestici o chi presta aiuto a soggetti non autosufficienti.

Il nuovo Isee darà maggior peso alla componente patrimoniale e cioè maggior peso per la casa e minore franchigia per la componente mobiliare; inoltre si considera patrimonio solo il valore della casa che eccede il valore del mutuo ancora in essere, mentre viene riservato un trattamento particolare alla prima casa; inoltre la franchigia sul patrimonio mobiliare è ridotta a 6.000 euro, con un aumento di 2.000 euro per ogni componente del nucleo familiare successivo al primo, fino a un massimo di 10.000 euro. Questa soglia è incrementata di 1.000 euro per ogni figlio componente il nucleo familiare successivo al secondo.

ISEE 2016: calcolo e compilazione passo passo. Il modello ISEE è un ottimo strumento per ottenere benefici ed esonerei nei pagamenti per alcuni servizi pubblici come la mensa scolastica, il ticket, autotrasporti, università... ecco come compilarlo e quali documenti presentare per le detrazioni

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il