BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2013: prima casa mini saldo pagamenti Gennaio e alcuni anche a dicembre seconda rata

Mini saldo Imu di gennaio: chi dovrà pagarlo, quanto e rischi



Il pagamento della seconda rata Imu sulle prime case sarebbe stata cancellata ma questa decisone che ha fatto tirare un sospiro di sollievo a milioni di contribuenti italiani rischia di trasformarsi in un beffa: se a dicembre, infatti, si paga il conguaglio sull'imposta dovuta per il primo semestre 2013, a gennaio si pagherà il 40% della differenza fra l'aliquota minima e quella applicata dal Comune di appartenenza e ciò significa che alcuni italiani, invece di non pagare la tassa sulla casa quest’anno, dovranno pagarla due volte, il 16 dicembre e il 16 gennaio.

Saranno chiamati a pagare i proprietari di case che risiedono in tutti quei comuni che hanno deciso di innalzare, dunque, l’aliquota Imu. La differenza andrà pagata a gennaio, poi il Comune, forse, provvederà a rendere questo saldo detraibile dalla Tasi (la tassa sui servizi indivisibili dei Comuni) del 2014, secondo quanto ultimamente proposto da Palazzo Chigi per rimediare alla mancanza di coperture del 2013 (350 milioni di euro).

In pratica il proprietario paga la mini Imu, poi il Comune gliela rimborsa tramite sconti sulla Tasi: le risorse le recupererà aumentando le aliquote sulle terze, quarte e quinte case (perché anche sulle seconde non si può superare l’asticella dell’1,06%). Quindi sarà a carico del contribuente, in prima battuta, coprire a gennaio la differenza rimasta senza copertura, cioè il 40% della differenza tra l’aliquota base dello 0,4% e l’eventuale maggiorazione decisa dai Comuni.


Per determinare quanto versare di Imu si può usare il seguente calcolatore

http://www.webmasterpoint.org/programmazione/programmazione/come_fare/calcolo-imu-saldo-seconda-rata.html

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il