BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?



Aggiungici alle tue cerchie (clicca su Segui):

Legge Stabilità 2013-2014: affitti,no pagamenti in contanti. Pensioni e novità emendamenti

Indicizzazione pensioni, pagamenti affitti, contributi di solidarietà: i nuovi emendamenti alla Legge di Stabilità


Il pagamento degli affitti non potrà più essere effettuato in contante: a stabilirlo un emendamento del Pd alla Legge di Stabilità, approvato dalla commissione Bilancio della Camera. La proposta di modifica stabilisce che ‘i pagamenti riguardanti canoni di locazione di unità abitative, fatta eccezione per quelli di alloggi di edilizia residenziale pubblica, devono essere corrisposti obbligatoriamente, quale ne sia l'importo, in forme e modalità che escludendo l'uso del contante e ne assicurino la tracciabilità’.

La norma, volta ad assicurare il contrasto all'evasione fiscale nel settore, attribuisce ai Comuni, ‘in relazione ai contratti di locazione, attività di monitoraggio anche previo utilizzo di quanto in materia di registro di anagrafe condominiale e conseguenti annotazioni delle locazioni esistenti in ambito di edifici condominiali’.

L’ emendamento esclude i canoni d'affitto per le case di edilizia popolare. Lo stesso emendamento stabilisce che sia affidata ai Comuni l'attività antievasione di monitoraggio e dei contratti di locazione, attraverso l'anagrafe condominiale.

Novità proposte anche per quanto riguarda l’indicizzazione sulle pensioni, che prevede il ritocco all’insù dal 90 al 95% la rivalutazione delle pensioni il cui importo sia superiore a 3 volte e pari o inferiore a 4 volte il minimo Inps (tra 1.500 e 2mila euro). La misura viene coperta con un ritocco all'indicizzazione delle pensioni più alte.

Roberto Speranza, presidente dei deputati Pd ha detto: “Indicizziamo perché vogliamo adeguare il valore delle pensioni al costo della vita, in particolar modo alle pensioni più basse. Adeguiamo al 100 % fino a 1.443 euro, cioè tre volte la pensione minima. Tra tre, quattro volte la pensione minima, cioè fino a 1.924 euro lordi, arriviamo a una indicizzazione pari al 95% .

E poi a scalare fino a sei volte la minima dove sarà intorno al 50%. Facciamo uno sforzo per mettere qualche euro in più in tasca a quei pensionati che oggettivamente vivono una fase di difficoltà con il costo della vita sempre più elevata”.

Altri emendamenti prevedono che anche i vitalizi superiori a 90 mila euro l'anno dei parlamentari, dagli eletti nei consigli Regionali e provinciali, e dai funzionari degli organi costituzionali siano tassati con il contributo di solidarietà; sanzioni ridotte e niente carcere per i delitti di dichiarazione infedele, con arresti che scatteranno solo per i reati più gravi, come le dichiarazioni fraudolente con pene ridotte della metà.

 




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il 14/12/2013 alle ore 10:37