BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni lavori usuranti e precoci Governo Letta: trattative nuovi emendamenti in Legge Stabilità

Indicizzazioni pensioni ma ancora nulla su precoci ed esodati: il nuovo emendamento della Legge di Stabilità



Se non è stata avanzata alcuna proposta che punta a una revisione del sistema pensionistico per quanto riguarda lavoratori precoci e usuranti, che rimangono ancora in attesa di interventi ritenuti necessari, dopo il nuovo emendamento che prevede la possibilità di cumulo per gli iscritti a più forme di assicurazione obbligatoria dei versamenti dei periodi contributivi non coincidenti per avere un'unica pensione di vecchiaia o anzianità, le novità proposte per la Legge di Stabilità in discussione riguardano ancora l’indicizzazione sulle pensioni, che prevede il ritocco all’insù dal 90 al 95% la rivalutazione delle pensioni il cui importo sia superiore a 3 volte e pari o inferiore a 4 volte il minimo Inps (tra 1.500 e 2mila euro).

La misura viene coperta con un ritocco all'indicizzazione delle pensioni più alte. Roberto Speranza, presidente dei deputati Pd ha detto: “Indicizziamo perché vogliamo adeguare il valore delle pensioni al costo della vita, in particolar modo alle pensioni più basse. Adeguiamo al 100 % fino a 1.443 euro, cioè tre volte la pensione minima.

Tra tre, quattro volte la pensione minima, cioè fino a 1.924 euro lordi, arriviamo a una indicizzazione pari al 95% . E poi a scalare fino a sei volte la minima dove sarà intorno al 50%. Facciamo uno sforzo per mettere qualche euro in più in tasca a quei pensionati che oggettivamente vivono una fase di difficoltà con il costo della vita sempre più elevata”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il