BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa Speciali (PAS): novitÓ questa settimana. Il punto della situazione.

NovitÓ su avvio Tfa: elenchi ammessi, prezzi, detrazioni e universitÓ telematiche



La Lombardia ha comunicato l’elenco delle classi di concorso per le quali, a causa del numero esiguo di candidati i Pas potranno eventualmente essere attivati solo in modalità interregionale, in relazione al numero di domande presentate nelle altre regioni; la Provincia di Trento ha pubblicato l’elenco degli ammessi-esclusi per il Pas e gli elenchi degli aventi diritto ai permessi per motivi di studio, e non figura alcun docente ammesso al Pas; in Friuli Venezia Giulia sono stati poi pubblicati i Decreti relativi agli esiti delle verifiche degli aspiranti ai percorsi abilitanti speciali (PAS) per i candidati delle classi di concorso con lingua d'insegnamento italiana; le Università Kore di Enna e Tor Vergata di Roma hanno pubblicato l'offerta formativa potenziale per i PAS, e altre università hanno predisposto un'apposita pagina sui loro siti, mentre in Sicilia sono stati pubblicati gli elenchi provvisori candidati aventi/non aventi i requisiti per l’accesso ai Percorsi Abilitanti Speciali (PAS), e l’Usr Emilia Romagna ha pubblicato un avviso rivolto ai candidati che hanno presentato istanza di partecipazione ai corsi speciali per il conseguimento dell’abilitazione, invitando i candidati a controllare la casella di posta elettronica indicata nella domanda di partecipazione alla procedura.

Sono queste al momento alcune delle università che hanno pubblicato gli elenchi degli ammessi ai prossimi Tfa Speciali, memtre il Miur ha confermato l’indisponibilità di molte università ad attivare i Pas per infanzia e primaria, motivo per cui sta valutando l’offerta formativa di alcune università private o telematiche.

Il prezzo da pagare per accedere ai nuovi Tfa Speciali circa 1.500 euro, secondo le prime indicazioni, spese che però potranno essere detraibili. L’Università di Bergamo ha reso noto che sarà possibile la detrazione delle spese sostenute per la frequenza a corsi di istruzione universitaria.

In particolare per i corsi di laurea e di laurea magistrale, per i corsi di specializzazione per laureati, per i corsi di dottorato di ricerca, per i master universitari, per i corsi per la formazione iniziale degli insegnanti inclusi Tfa, per i corsi di specializzazione per il sostegno didattico agli alunni con disabilità, Pas, per le spese per la partecipazione alle prove di accesso ai corsi universitari a numero chiuso, con test di verifica della preparazione.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il