BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne e uomini: il punto della situazione aggiornato. Legge stabilità e non solo

Nessuna novità per trattamenti pensionistici di uomini e donne ma nuovi emendamenti: cosa prevedono



Nessuna norma ad hoc per precoci ed usuranti così come nessuna modifica è stata proposta per quanto riguarda la differenza di trattamento contributivo che in Italia vige tra uomini e donne e per cui l’Italia è stata richiamata dalla Commissione europea. L’Ue ha, infatti, puntato il dito contro l’Italia sulle differenze di trattamento pensionistico contributivo, a causa della norma che fissa una differenza tra uomini e donne negli di anni di contributi necessari per ottenere il pensionamento anticipato, norma italiana che andrebbe contro l'articolo 157 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea che stabilisce la parità di trattamento tra uomini e donne.

Si pensava che la Legge di Stabilità avrebbe potuto portare nuovi interventi in materia, ma in realtà, al momento, così ancora non è. Proposte, invece, modifiche sulla indicizzazione delle pensioni, per cui per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici è riconosciuta nella misura del 95% per le pensioni superiori a tre volte il trattamento minimo Inps.

Questo quanto prevede un emendamento del relatore Maino Marchi (Pd). L'emendamento prevede anche la riduzione delle indicizzazioni nella misura del 50% per le pensioni superiori a 5 volte il trattamento minimo e fino a 6 volte. Nella misura del 40% per il 2014 e del 45% per il 2015 e il 2016 per i trattamenti superiori a sei volte.

Per il solo anno 2014, invece, non è riconosciuta la rivalutazione per le fasce di importo superiori a sei volte il minimo Inps. Tra gli altri emendamenti presentati, quello che prevede la possibilità di cumulare i versamenti dei periodi contributivi non coincidenti al fine di conseguire un’unica pensione, di vecchiaia o di anzianità; e quello che prevede l’aumento degli assegni grazie al taglio del cuneo fiscale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il