BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge di Stabilità: bonus bebè, polizia, affitti, statali, web tax, pensioni, Gli emendamenti

Nuova maratona notturna con via libera alle misure della finanziaria. Rivista la web tax. Gli emendamenti in discussioni e novità Legge di Stabilità, da esodati a bonus bebè. Cosa cambia



Restano ancora pochi giorni per discutere gli emendamenti alla nuova Legge di Stabilità e dopo il via libera di Montecitorio, il testo tornerà al Senato per ottenere l'approvazione definitiva prima di Natale. Dal pagamento in contante per gli affitti, al differimento del pagamento della mini-rata Imu, alla sanatoria per i contenziosi sui canoni per le spiagge, ai nuovi fondi per gli esodati, ai bonus bebè: sono questi alcuni dei principali emendamenti presentati da governo e relatori al ddl stabilità in commissione Bilancio alla Camera.

Tra le novità dell'ultima ora, il deposito di un emendamento dell'Esecutivo per la rivalutazione fiscale delle quote della Banca d'Italia. In particolare, il Governo chiede l'introduzione di un'imposta sostituiva al 12% sulla rivalutazione delle quote di Via Nazionale detenute dai partecipanti.

Passano l’aumento dell’ imposta di bollo per i depositi titoli delle imprese, e gli incentivi alla stabilizzazione dei precari dei call center. Rivista e alleggerita la web tax, ribattezzata Google Tax,  per non danneggiare le imprese che operano su internet. Per quanto riguarda le spiagge e il condono per i gestori di stabilimenti balneari in contenzioso con lo stato, l'emendamento prevede che ‘i procedimenti giudiziari pendenti alla data del 30 settembre 2013 concernenti il pagamento in favore dell'erario statale dei canoni e degli indennizzi per l'utilizzo dei beni demaniali marittimi e delle relative pertinenze, possono essere integralmente definiti’ versando in un'unica soluzione il 30% delle somme dovute oppure il 70%, ma con una rateizzazione in nove anni.

Presentato anche un emendamento che sblocca fondi per il bonus bebè, che dovrebbe valere intorno ai 30 milioni di euro e, come annunciato dal viceministro dell'Economia Stefano Fassina, arrivano nuove risorse per gli esodati. Un emendamento del governo stanzia 950 milioni fino al 2020 per altri 17mila esodati da salvaguardare.

Nel testo del ddl era già prevista la salvaguardia per 6mila persone. La misura prevede un finanziamento di 203 milioni di euro per il 2014, 250 milioni per il 2015, 197 milioni per il 2016, 110 milioni per il 2017, 83 milioni per il 2018, 81 milioni per il 2019 e 26 milioni per il 2020.  E’ stato inoltre avanzata la proposta di modifica relativa ai fondi per le forze dell'ordine.

Sulla questione stadi, l'emendamento al testo prevede semplificazioni per la realizzazione di nuovi stadi, esclude che con essi possano essere realizzati nuovi complessi di edilizia residenziale, stabilisce che gli interventi ‘laddove possibile siano realizzati prioritariamente mediante recupero di impianti esistenti o siano relativi a impianti localizzati in aree già edificate’.

Questo emendamento prevede l'utilizzo ‘in via non esclusiva’ delle risorse del fondo di garanzia per il credito sportivo per ‘favorire l'ammodernamento o la costruzione di impianti sportivi, con particolare riguardo alla sicurezza degli impianti e degli spettatori, attraverso la semplificazione delle procedure amministrative e la previsione di modalità innovative di finanziamento’.

Sugli affitti, un emendamento del Pd alla Legge di Stabilità, approvato dalla commissione Bilancio della Camera, prevede che il loro pagamento non potrà più essere effettuato in contante. La proposta di modifica stabilisce che ‘i pagamenti riguardanti canoni di locazione di unità abitative, fatta eccezione per quelli di alloggi di edilizia residenziale pubblica, devono essere corrisposti obbligatoriamente, quale ne sia l'importo, in forme e modalità che escludendo l'uso del contante e ne assicurino la tracciabilità’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il