BusinessOnline - Il portale per i decision maker




Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?



Aggiungici alle tue cerchie (clicca su Segui):

Imu 2013, Mini Imu prima casa Roma, Milano, Napoli, Genova: calcolo chi deve pagare 24 Gennaio 2014

Slitta la scadenza per il pagamento della mini Imu sulla prima casa dal 16 al 24 gennaio: cosa stabilisce l'emendamento alla Legge di Stabilità e chi dovrà pagare il mini saldo di gennaio 2014. Come fare calcolo


Dal 16 al 24 gennaio 2014: slitta la scadenza per il pagamento della mini Imu sulla prima casa, grazie ad un emendamento presentato al disegno di legge di stabilità 2014. Il decreto legge 30 novembre 2013 n. 133 ha disposto la cancellazione dell’Imu su prima casa, terreni agricoli e fabbricati rurali ma i proprietari di questi immobili saranno comunque chiamati a pagare per la prima casa se residenti in quei comuni dove si è deciso per il 2013 di aumentare l’aliquota rispetto a quella di base prevista dalla legge, cioè il 4 per mille.

Da Milano, a Torino, Bologna, Firenze, Genova, Napoli, Roma, e ancora Bergamo, Como, Ancona, Avellino, Bari, Reggio Calabria, Caserta, Ferrara, Messina, Lecco, Palermo, Pisa, Treviso, Verona, Venezia: sono ben 50 i capoluoghi di provincia tra i Comuni che hanno ritoccato all’insù le aliquote 2013. In questo caso, il pagamento dovrà essere eseguito nella misura del 40% della differenza che risulta tra l’aliquota del 4 per mille e quella decisa dal comune.

L’ultimo giorno utile per versare la mini Imu sulla prima casa era stato fissato al 16 gennaio 2014 ma un emendamento presentato alla Legge di Stabilità 2014 ha fatto slittare il termine al 24 gennaio. Per il calcolo si deve innanzitutto individuare la base imponibile che è data dalla rendita catastale rivalutata al 5% e poi moltiplicata per il coefficiente moltiplicatore che è 160 per l’abitazione principale.

All’importo ottenuto sarà aggiunta l’aliquota al 4 per mille e quella decisa dal singolo comune, tenendo in considerazione anche le detrazioni per la prima casa (200 euro) e per eventuali figli conviventi minori di anni 26 ( 50 euro per ogni figlio). Così facendo, si potrà poi fare la differenza tra l’aliquota Imu decisa al rialzo dal comune e quella al 4 per mille e il contribuente sarà chiamato a versare proprio la differenza al 40%.


Cliccando sul calcolatore online qui di seguito si può già fare calcolo anche mini imu:

http://www.webmasterpoint.org/programmazione/programmazione/come_fare/calcolo-imu-saldo-seconda-rata.html

 




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il 19/12/2013 alle ore 11:30