BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Amnistia e indulto carceri: primo passo è decreto Cancellieri.Ma Parlamento ancora fortemente diviso

Via libera al decreto carceri del ministro Cancellieri. Diverse le misure approvate. Ma per amnistia e indulto tocca al Parlamento pronunciarsi. La strasa è lunga e complessa. Le posizioni piuttosto discordanti



Il Consiglio dei ministri ha approvato sia il disegno di legge in materia di processo civile e penale che il decreto legge per affrontare l'emergenza carceraria attraverso misure per il reinserimento dei tossicodipendenti detenuti e per il rimpatrio degli immigrati.

Tra le misure qualificanti del testo anche l'innalzamento dello sconto per la liberazione anticipata (misura temporanea che scadrà tra 2 anni) e la stabilizzazione dei domiciliari per gli ultimi 18 mesi di pena. Viene, infatti, esteso il beneficio dell'aumento dei giorni di detenzione (da 60 a 75) per ciascun semestre di pena espiata. L'applicazione retroattiva, si legge nel testo, ‘comporta una contenuta anticipazione di una uscita che si verificherebbe comunque in tempi brevi.

Non si tratta di una misura automatica e non si determina una liberazione immediata (in massa) di un numero rilevante di detenuti, ma è spalmata nel tempo e comunque sottoposta alla rivalutazione del giudice che deve verificare il corretto comportamento dei detenuti’.

Illustrando il pacchetto carceri in conferenza stampa, il presidente del Consiglio Enrico Letta spiega che “il decreto è una prima importante risposta all'appello del capo dello Stato al Parlamento, che toccava un ventaglio di possibili interventi per cercare di calmare una situazione esplosiva che riguarda il sovraffollamento delle nostre carceri ed evitare interventi sanzionatori di organismi sovranazionali, che hanno messo l'Italia nella lista dei cattivi.

Questo provvedimento non ha in nessun modo elementi di pericolosità per i cittadini”. E nulla a che fare con amnistia e indulto: in questo caso la parola toccherà al Parlamento e la discussione sarà ancora piuttosto lunga e complessa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il