BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge di stabilità: agevolazioni e detrazioni. Aumentano o diminuiscono dopo tanti emendamenti

Via libera al nuovo bonus bebè ma le detrazioni fiscali per le famiglie sono piuttosto limitate a la nuova Iuc dal 2014 rischia di costare più dell’attuale Imu: la situazione nella nuova Legge di Stabilità



Il taglio del cuneo fiscale, il peso delle tasse sul lavoro, si è concentrato sui redditi più bassi, quelli fino a 28 mila euro lordi l’anno; per l’imposta sulla casa principale, il tetto massimo alla tassa sui servizi indivisibili (Tasi) non è sceso dal 2,5 per mille all’1 per mille, e l’anno prossimo la nuova Iuc dovrebbe essere in media meno cara dell’Imu pagata nel 2012, grazie alla detrazioni al momento finanziate per un solo anno.

Ma nel 2015, quando le detrazioni verranno meno, la Iuc costerà alle famiglie italiane più dell’attuale Imu. Secondo il ministero dell’Economia, però, non ci sarà alcun aggravio: “l’effetto sui singoli contribuenti dipende dalle modalità specifiche di applicazione delle aliquote e delle detrazioni, che sono lasciate all’autonoma determinazione dei Comuni”.

Da tutto ciò emerge che poi, effettivamente, nonostante gli 800 emendamenti rimasti e i 3mila iniziali, quasi nulla è stato fatto per sostenere le famiglie italiani. Soprattutto per quanto riguarda casa e cuneo fiscale, considerando anche che una parte delle risorse aggiuntive sarebbe dovuta arrivare dalla web tax che alla fine è stata rivista quasi completamente.

Secondo, inoltre, la Federconsumatori, i circa cinque milioni di cittadini che non pagano l'Imu sulla prima casa rischiano comunque di vedersi presentato nel 2014 un conto molto salato, perché senza detrazioni fiscali il carico annuo sui proprietari di prime case sarà pari in media a 247 euro specie dopo che sulla Tasi è saltato il tetto massimo dell'1 per mille.

Secondo Elio Lannutti e Rosario Trefiletti, rispettivamente Presidenti di Adusbef e Federconsumatori, le incertezze dal lato fiscale, specie in un periodo chiave come quello attuale, sotto le feste natalizie, rischiano di pesare fortemente sui consumi. La nota positiva è il nuovo fondo che andrà a finanziare nuovamente il bonus bebè.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il