BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma pensioni vecchiaia e anzianità Governo Letta approvazione ufficiale Legge Stabilità.

Legge di stabilità oggi voto di fiducia alla Camera: le novità pensioni, cosa cambierà davvero e cosa ci si aspettava. Tanta la delusioni da pensionati e pensionandi



Oggi, venerdì 20 dicembre, la Legge di Stabilità otterrà il voto di fiducia alla Camera. Sono diverse le critiche piovute finora sugli interventi in essa contenuti, i comuni protestano, Confindustria non ne è soddisfatta, e resta con l’amaro in bocca anche il mondo dei pensionati. Tra le altre novità proposte, vi era la possibilità di sostituire la cassa integrazione in deroga potendo andare in pensione a 62 anni, in anticipo rispetto alle disposizioni in vigore con la legge Fornero.

Secondo il democratico Giorgio Santini, si trattava “di permettere alle persone che hanno perso un lavoro ed esaurito la possibilità di accedere agli ammortizzatori ordinari di potere incassare prima il proprio assegno pensionistico”. Altre proposte in tema di pensioni per la nuova Legge di Stabilità 2014 si sono susseguite ma senza un riscontro positivo. Nulla, infatti, di ciò che è stato avanzato in questi mesi è stato approvato o quanto meno studiato.

E con l’approvazione della nuova Legge di Stabilità le modifiche in tema di pensioni che si saranno riguarderanno innanzitutto la rivalutazione dei redditi da pensione più elevati attraverso l'indicizzazione all'inflazione, per cui saranno riviste al 95% gli assegni pari a 4 volte il minimo, del 50% le pensioni superiori a 5 volte il minimo e pari o inferiori a 6 volte il minimo e del 40% nel 2014 per i trattamenti 6 volte sopra il minimo e al 45% per gli anni 2015-2016.

Toccheranno poi la possibilità di cumulare i versamenti dei periodi contributivi non coincidenti per avere un'unica pensione di vecchiaia o anzianità, e infine la proposta di aumentare le aliquote previdenziali a carico dei lavoratori autonomi: dal 20 al 22% quella del 2014; al 23,5% quella del 2015; al 24% quella del 2016.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il