BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ristrutturazione casa e bonus energetico 50%-65% 2014: tutte le novità. Cosa cambia

Prorogata possibilità di detrazioni fiscali per lavori di ristrutturazione energetica. Varrà anche nel 2014 ma novità per spese mobili. Per quali lavori valgono e come fare ad ottenerle



Approvata definitivamente la nuova Legge di Stabilità, è stata definita ufficialmente anche la novità sulla proroga della possibilità di richiedere i bonus ristrutturazioni anche per il 2014 ma è stato stabilito anche che la detrazione del 50% per acquisto di mobili e/o elettrodomestici di classe A destinati all’immobile oggetto di ristrutturazione agevolata, sarà possibile solo quando il costo degli arredi non supera quello dei lavori.

La spesa per per gli arredi, su un tetto massimo detraibile di 10mila euro, sarà ora pienamente agevolata soltanto se i lavori superano questo limite. Se invece il costo della ristrutturazione è più basso, la detrazione sull’acquisto di mobilio e di grandi elettrodomestici si applicherà su un pari ammontare.

Per esempio, se il costo dei lavori è di 5mila euro e quello dei mobili 8mila, si potrà detrarre il 50% su acquisti fino a 5mila euro, mentre i restanti 3mila resteranno fuori dall’agevolazione. Tra le spese per cui valgono i bonus l’acquisto di mobili come letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché materassi e apparecchi di illuminazione che costituiscono un necessario completamento dell’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione.

I bonus valgono anche per i grandi elettrodomestici di classe energetica (ove prevista) non inferiore ad A+ e A per i forni, e frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.

Le detrazioni includono anche le spese di trasporto e montaggio dei mobili e degli elettrodomestici ammessi all’incentivo. Per i lavori di riqualificazione energetica, la legge di Stabilità, come accennato,  ha prorogato al 31 dicembre 2014 la detrazione fiscale nella misura del 65%, ridotta nel 2015 al 50%. Le spese per cui valgono le detrazioni riguardano lavori per la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento, per il miglioramento termico dell’edificio (finestre, comprensive di infissi, coibentazioni, pavimenti), l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda, e la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale: 30mila euro.

Se i lavori riguardano parti comuni del condominio o l’intero edificio, la detrazione resta al 65% per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 fino al 30 giugno 2015, scendendo al 50% dall’1 luglio 2015 al 30 giugno 2016. La Legge di Stabilità proroga anche la detrazione del 65% per gli interventi relativi all’adozione di misure antisismiche fino al 31 dicembre 2014, che scende al 50% nel 2015.

Ricordiamo, infine, che er ottenere le detrazioni, bisogna effettuare i pagamenti con bonifici bancari o postali con le medesime modalità già previste per i pagamenti dei lavori di ristrutturazione fiscalmente agevolati. Nei bonifici dovranno essere riportati la causale del versamento attualmente utilizzata dalle banche e da Poste Italiane Spa per i bonifici relativi ai lavori di ristrutturazione fiscalmente agevolati, il codice fiscale del beneficiario della detrazione e il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato.

Inoltre, per il via alla ristrutturazione di un immobile sarà necessaria anche la presentazione della Cila, Comunicazione inizio lavori asseverata, pratica amministrativa che viene utilizzata nel campo dell’edilizia per poter effettuare lavori di ristrutturazione di vario genere e che permette di spostare tramezzi, aprire porte interne, rifare i bagni, sostituire gli impianti a servizio del locale.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il