BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Spread Btp-Bund 2014: previsione a 120-150. I problemi e gli ostacoli da superare

Al ribasso lo spread fra Btp italiani e Bund tedeschi ma rischi di nuovo rialzo. Quali sono e come evitarli per non mettere di nuovo a repentaglio la tenuta dell’Italia



Ieri, giovedì 2 gennaio, lo spread Btp-Bund ha chiuso la prima seduta del 2014 ai livelli minimi da metà 2011, a 203 punti base. Il rendimento decennale scende sotto quota 4%, al 3,97%. Stesso livello per i Bonos spagnoli. Ad agevolare la discesa dei rendimenti ha contribuito l'indice dell'attività manifatturiera europea in dicembre, migliore del previsto soprattutto in Italia.

Nelle ultime settimane del 2013 ormai salutato lo spread ha iniziato del resto una discesa verso il basso che sembra aver fatto respirare i mercati, facendo tirare una boccata di ossigeno ma perché il suo andamento resti su bassi livelli è necessario superare rischi e ostacoli.

Come riportato dal Sole 24 Ore, il primo rischio che alcuni paventano è che la situazione sfugga di mano alla Bce e l'Eurozona possa scivolare verso deflazione e stagnazione economica: con simili condizioni il consolidamento fiscale e le riforme strutturali diventerebbero insostenibili e il rischio di un nuovo avvitamento ribassista sui mercati si farebbe di nuovo reale.

Altro grande rischio è quello sempre legato alla Bce e gli stress test che Francoforte si avvia a compiere: penalizzare il trattamento dei titoli di Stato contenuti nei portafogli di quelle banche che in fin dei conti (soprattutto in Italia) hanno materialmente sostenuto i bond sovrani con i loro acquisti in asta o sul secondario significherebbe far cadere la domanda e minacciare quindi di infrangere un fragile equilibrio.

E i problemi eventuali non finiscono qui, perché la possibile rottura dell'instabile equilibrio che caratterizza lo scenario politico italiano nei prossimi mesi, che si preannunciano tutt'altro che semplici per il governo Letta, comporterebbe una nuova frenata sulle riforme, mettendo nuovamente a repentaglio l'Italia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il