BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasse e fisco 2014: detrazioni tassi interessi mutui, spese medicine, sanità, polizze vita a rischio

Nuova Legge di Stabilità e bonus fiscali a rischio taglio: quali sono, quali spese interessano e come funzionano, dagli sconti sulle spese mediche e sanitarie alla palestra



Nuove detrazioni fiscali previste nella Legge di Stabilità 2013-2014 che dopo discussioni e polemiche è riuscita ad incassare la fiducia.  Entro il 31 gennaio 2014 il Governo deve decidere su quali sconti intervenire. In particolare tra i bonus a rischio quello che riguarda circa 15,7 milioni di italiani con un importo medio detratto di 174 euro e che tocca le spese mediche, chirurgiche, le analisi, i medicinali, le visite dal medico generico e quelle specialistiche che possono accedere per ora alla detrazione del 19% per la parte di esborso che supera i 129,11 euro.

A rischio anche la detrazione del 19% sugli interessi passivi pagati per i mutui contratti per l'acquisto, costruzione, recupero edilizio della propria casa. La detrazione sugli interessi passivi del mutuo per l'acquisto dell'abitazione principale è ammessa fino a un massimo di 4mila euro (2.582,28 euro per la costruzione/ristrutturazione).

La detrazione media per l'acquisto prima casa è di circa 320 euro. Il taglio lineare di un punto percentuale in caso di mancato riordino costerebbe 17 euro in media, che diventerebbero 34 con la riduzione al 17% nel 2015. Il taglio dei bonus dal 19 al 18% potrebbe colpire anche il bonus fiscale su polizze sul rischio morte e sugli infortuni di cui usufruiscono quasi 6,3 milioni di italiani; lo sconto sulle  spese per l'iscrizione ad associazioni sportive, piscine, palestre e altre strutture e impianti sportivi per ragazzi di età compresa tra i 5 e i 18 anni (fiscalmente a carico) che hanno diritto per ora a una detrazione del 19% su una spesa massima di 210 euro; e le spese di istruzione secondaria e universitaria, per scuole di specializzazione post universitaria e di perfezionamento, per corsi di formazione avanzata e per i master presso università pubbliche o private.

Anche gli esborsi sostenuti per la cura sanitaria del proprio animale potrebbero essere interessate dalla diminuzione degli sconti fiscali. La detrazione del 19% spetta sulle spese veterinarie documentate superiori a 129,11 euro e fino a un massimo di 387,34 euro. Anche in questo caso il taglio lineare porterebbe da subito la detrazione al 18% per poi farla scendere ulteriormente al 17%.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il