BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pedaggi autostradali 2014: aumenti. Lista autostrade e tangenziali. Calcolo ed esempi

Aumentati i pedaggi autostradali dal primo gennaio 2014. Le tratte interessate. La più cara Padova-Venezia. Il ministro Lupi: “Siamo riusciti a contenere gli aumenti delle tariffe autostradali”



Il 2014 si apre con una serie di rincari che andranno a pesare, ancora una volta, sui cittadini italiani. Primo fra tutti l’aumento delle tariffe autostradali. L’aumento medio dei pedaggi è del 3,9%, con punte superiori all'8%.

Tali aumenti sono scattati dal primo gennaio, approvati dai Ministeri dei trasporti e dell'Economia. Il rincaro maggiore si registra sulla Strada dei Parchi (+8,28%), seguita dalle Autostrade Centropadane (+8,01%), mentre non ci sarà nessuna variazione dei pedaggi per il Consorzio Autostrade Siciliane, le Autostrade Meridionali e la Asti-Cuneo.

In Liguria, poi, se il pedaggio da pagare per alcune tratte è rimasto inalterato, in altri casi la stangata arriva a toccare il +20%. Autostrade per l’Italia giustifica gli adeguamenti con l’impossibilità di modificare le tariffe al centesimo. I pedaggi, infatti, sono sempre calcolati in modo da essere arrotondati ai 10 centesimi, in modo da evitare i problemi con le monete più piccole, che potrebbero generare tempi più lunghi per il pagamento ai caselli e quindi la formazione di code.

Autofiori e Autostrade per l’Italia hanno adeguato i pedaggi dalla mezzanotte fra il 30 settembre ed il primo ottobre. Ad esempio i viaggi da Savona ad Albenga e da Savona a Finale sono rimasto fermi rispettivamente a 5,10 e 2,40 euro, mentre il pedaggio da Celle a Milano Sud è passato da 11 euro a 11,10, un ritocco esattamente pari all’aumento dell’Iva dell’1%.

Di dieci centesimi è aumentato il costo della tratta Savona-Pietra, scattato da 2,90 a 3,00 euro. Invece chi deve percorrere tratti di pochi chilometri, magari più volte al giorno, riceve il colpo più duro. Savona-Albisola è infatti passato da 60 a 70 centesimi, Albisola-Celle e Celle-Varazze hanno subìto un balzo del 20%, scattando da 50 a 60 centesimi.

Aumento record sulla tratta Padova-Venezia, dove si passa da 95 centesimi a 3 euro, che assorbe anche gli investimenti per la realizzazione del Passante di Mestre.

Il ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, ha spiegato “Siamo riusciti a contenere gli aumenti delle tariffe autostradali grazie a un'azione di calmieraggio svolta del Ministero: a fronte di richieste che per alcune tratte arrivavano al 18%, l'incremento si è fermato a una media del 3,9%. Abbiamo già previsto incontri con Aiscat, l'associazione delle concessionarie, con cui avviare un dialogo per verificare strade nuove e consensuali rispetto agli attuali automatismi di adeguamento delle tariffe”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il